SmartDisk, la crisi di Apple ci fa male

di |
logomacitynet696wide

La crisi di Apple danneggia anche i produttori di terze parti che lamentano: “I problemi di Cupertino limitano le nostre vendite”. Ma qualcuno sospetta che non sia solo colpa dei Mac…

La crisi di Apple colpisce anche le terze parti. I bilanci di molte di esse, infatti, saranno al di sotto delle previsioni a causano delle vendite inferiori del previsto da parte della società  di Cupertino.
La prima a dire chiaramente che i problemi di Apple hanno fatto qualche danno è stata SmartDisk. La società , una dei maggiori produttori di periferiche al mondo, ha recentemente acquistato VST e dedicandosi con particolare attenzione al settore FireWire. Una scelta che l’ha legata in maniera particolare al mondo Mac.
“Come abbiamo già  detto nei mesi scorsi – ha detto il CEO di SmartDisk Michael Battaglia – Apple è nel mezzo di una crisi che sta rendendo il nostro mercato difficile, in particolare colpisce il mercato dei rimovibili e dei supporti esterni.” Una crisi che ha determinato prestazioni l di sotto delle previsioni per SmartDisk con perdite che potrebbero essere di 60 o 70 cents per azione.
Battaglia ha affermato che la società  “resta vicina al mercato Mac” ma ha anche aggiunto che “verranno riviste le modalità  con cui opera Personal Storage Systems (la sussidiaria che un tempo era VST) per migliorarne l’efficienza”
In realtà  alcuni analisti dubitano che i problemi di VST sia tutti a attribuire ad Apple. “La sensazione è che la crisi del mercato delle periferiche sia da riferire più che altro a quella dei PC in genere. Se si vendono pochi PC si vendono anche pochi accessori. Il problema non è un problema solo di Apple”