Sony Ericsson sfida iPhone con Xperia

di |
logomacitynet696wide

A Barcellona apre il World Mobile Congress e Sony Ericsson lancia Xperia X1. Il primo cellulare con Windows della joint venture nippo-svedese sfida apertamente iPhone con touch screen, servizi di comunicazione evoluti e un tastierino fisico Qwerty.

Sony Ericsson lancia la sfida ad iPhone. L’attacco al telefoni di Apple avviene contestualmente all’apertura del World Mobile Congress dove la joint venture nippo-svedese ha presentato tra le novità  Xperia X1.

I punti di contatto tra iPhone e il nuovo cellulare di Sony Ericsson sono molti. Il principale è l’orientamento alla comunicazione globale che caratterizza i due dispositivi. Xperia, come iPhone, ha uno schermo sensibile al tocco e una interfaccia che permette di accedere a varie funzioni senza esplorare troppi menù. A differenza di iPhone il telefono presentato ieri ha però una tastiera Qwerty completa, che sparisce sotto il display, e un sistema di controllo attraverso quattro tasti e un joystick ottico.

La dotazione hardware è di primissimo livello: Wifi, Gps e connettività  Hsupa (una versione ad alte prestazioni in upstream di Hsdpa). Lo schermo è un 800×480, la macchina fotografica interna arriva a 3,2 megapixel. Molto particolare la configurazione del case, leggermente curvo, per permettere una facile ed ergonomica apertura della tastiera. La memoria interna può arrivare fino a 400 MB con scheda di espansione microSD

Xperia è il primo cellulare di Sony Ericsson ad essere basato su Windows Mobile. La dotazione software comprende Internet Explorer mobile e un lettore di Rss, Outlook Mobile, Office Mobile: Word, Excel, PowerPoint, Windows Media Player Mobile.

Xperia X1 sarà  messo in vendita in “alcuni mercati selezionati”, dice Sony Ericsson, nella seconda metà  del 2008. Prezzo e disponibilità  nel nostro paese non sono stati specificati, ma il telefono è presentato sulla Homepage italiana di Sony Ericsson e un sito di riferimento per il telefono per il nostro mercato è già  disponibile anche se i contenuti sono in inglese.