Sony presenterà  la Psp in Europa e Stati Uniti per Pasqua

di |
logomacitynet696wide

La casa nipponica ha annunciato durante una delle prime giornate del Consumer Electronic Show in corso a Las Vegas. Per la fine di marzo del 2005 arriverà  anche da noi la console da passeggio che sta contendendo a Nintendo Ds il nuovo mercato dell’intrattenimento digitale.

Ormai le carte sono in tavola e sarà  il mercato a dare la risposta. Con l’ultimo annuncio di poche ore fa, reso dal capo di Sony Computer Entertainment Ken Kutaragi durante una conferenza al Comsumer Elecrtronic Show in corso a Las Vegas anche la data di arrivo della console da passeggio di Sony, Psp, è definita con minore ambiguita: fine marzo per Stati Uniti ed Europa, facendo seguito al lancio avvenuto lo scorso 12 dicembre in Giappone.

Fioccano anche i primi dati per quanto riguarda le vendite: al 31 dicembre Psp nel solo Giappone ha venduto 510mila unità , limitata solo dalla mancanza di componenti elettroniche per assemblarne di più. Prezzo di lancio in quel Paese, 19,800 yen, pari a 190 dollari, giudicato sottocosto da molti analisti ma necessario agli strateghi del marketing con gli occhi a mandorla per fare piazza pulita dell’arcinemico Nintendo.

La quale altra casa giapponese, che sinora ha dominato il settore delle console da passeggio con l’incredibile successione di GameBoy, Color e Advance, adesso sta lanciando il suo Ds, dual screen, caratterizzato oltre che dall’inedito set multiplo di visori anche da connessione Wi-Fi e touch screen per lo schermo inferiore.

Nintendo ha rilasciato il Ds prima negli Stati Uniti lo scorso 21 novembre e in Giappone il 2 dicembre. Non è chiarissima la data di arrivo in Europa, ma dovrebbe essere anche questa verso marzo. A un costo inferiore leggermente inferiore di quello della Psp, il Ds si propone fino a questo momento come la macchina dominante, con una prospettiva di vendita di 5 milioni di esemplari entro marzo, e un mercato più chiaramente definito di videogioco puro.

Sony, dal canto suo, propone con l’inedita formula dei dischi Udo, del grande schermo e della compatibilità  con le Memory Stick una console che potrebbe avere anche una presa nel mercato dei più anziani, come strumento per l’intrattenimento video da passeggio, una sorta di iPod video.