Sony ritirerà  i CD con XCP

di |
logomacitynet696wide

Sony cede: negli USA verranno ritirati tutti i CD con il DRM XCP, compresi quelli già  nelle mani dei clienti. E presto arriverà  anche un nuovo patch per rimuovere il discussi sistema di protezione dei diritti digitali.

Alla fine Sony ha ceduto disponendo il ritiro di tutti i CD musicali che contengono il sistema DRM XCP. L’€™annuncio del provvedimento che, nei fatti, significa la condivisione delle preoccupazioni di chi, nei giorni scorsi aveva avanzato preoccupazioni sul metodo usato dal software per proteggere i contenuti digitali, è stato annunciato ieri con un comunicato.

Secondo quanto si apprende i dischi, la cui produzione è già  stata sospesa nei giorni scorsi, verranno ritirati dai negozi e con essi sarà  chiesto anche gli utenti di spedire a Sony BMG quelli già  acquistati in cambio di altri che saranno privi di XCP.

Il provvedimento giunge al termine di un inizio di settimana ancora più catastrofico dal punto di vista dell’€™immagine dei giorni scorsi. Nel week end Microsoft aveva annunciato che i suo tool per la sicurezza, Windows AntiSpyware e Malicious Software Removal Tool, oltre che il sistema on line Windows Live Safety Center, avrebbero rimosso il DRM giudicandolo pericoloso per la sicurezza, poi alcuni studi legali avevano lanciato cause collettive, infine ieri un professore di Princeton, Ed Fellon, aveva fatto sapere che la ‘€œmedicina’€, ovvero il patch distribuito per rimuovere il software, era persin peggio del ‘€œmale’€ che voleva curare.

Secondo Felton il sistema usato (la distribuzione on linee) non prevede alcun meccanismo di sicurezza che accerti che il codice scaricato da Internet arrivi da Sony o da First 4, la casa che ha sviluppato il DRM. ‘€œLe conseguenze di tutto ciò sono potenzialmente gravi – scrive Felton nel suo blog – in pratica si permette a qualunque pagina web di scaricare, installare e lanciare qualunque codice sul computer. Un sito può prendere il controllo completo sulla macchina e fare tutto quello che gli pare e piace’€

Sony ha anche risposto a questa preoccupazione annunciando che a breve distribuirà  un applicativo più sicuro e semplice per attuare la rimozione di XCP.

Secondo alcune stime sarebbero circa mezzo milione i computer con Windows che in qualche modo hanno installato il sistema di protezione dei diritti digitali. Tutti sarebbero esposti, oltre che all’€™obbligo di sottostare alle discutibili procedure di tutela imposte da XCP (tra cui la comunicazione via Internet e senza chidere alcun permesso all’€™utente di dati inerenti il computer e la connessione e il degradamento della qualità  dei file MP3 prodotti con la stessa macchina), anche all’€™attacco di virus che sfruttano la capacità  del DRM di nascondersi in profondità  nel sistema operativo.