Spada di damocle sulla testa dei negozi di musica on line

di |
logomacitynet696wide

A rischio tutti i negozi di musica on line. Un brevetto del 1985 autorizzerebbe una società  americana a chiedere diritti a tutti coloro che operano nel business della vendita di canzoni su Internet al di fuori degli USA.

I servizi di download musicale gestiti in Europa da Microsoft, OD2 e Tiscali sono a rischio di sospensione. Una società  americana denominata E-Data ha infatti querelato il colosso di Redmond con l’€™accusa di avere illegalmente utilizzato un brevetto di sua proprietà .

Il brevetto in questione copre la trasmissione di dati da un punto della rete ad un luogo dove questi dati vengono poi trasferite su un media fisico. Negli USA un tribunale ha sentenziato che questo brevetto non può essere applicato al trasferimento di dati da un servizio Internet ad un HD di un computer, ma solo verso un chiosco commerciale.

E-Data ritiene però che il trasferimento su un CD o un lettore MP3 è un surrogato del trasferimento che avviene in un chiosco e quindi chiede che chi applica questa tecnologia deve pagare i diritti del brevetto.

Negli USA il brevetto è scaduto a gennaio. Questo mette al riparo chi ha cominciato a fornire il download successivamente a quella data, come Apple, dal rischio di querela. Nel mirino resterebbero però coloro che hanno aperto i loro negozi prima di quella data. Come possono essere coinvolti tutti coloro che operano od opereranno il servizio in Inghilterra, Belgio, Svizzera, Olanda, Francia, Austria, Svezia ed Italia paesi in cui dove il brevetto è ancora valido.

Nel caso Apple dovesse lanciare il suo negozio in Europa potrebbe essere soggetta agli stessi problemi cui andranno incontro Microsoft, Tiscali e OD2.