Sviluppatore iPhone citato in tribunale per furto dei dati degli utenti

di |
logomacitynet696wide

Un cittadino americano cita in tribunale lo sviluppatore Storm8 con l’accusa di aver sottratto informazioni personali degli utenti utilizzando codice nascosto all’interno dei giochi per iPhone. La causa potrebbe trasformarsi in class action.

Storm8 famoso sviluppatore di giochi per le piattaforme mobile e anche per iPhone è stato citato in tribunale da un utente con l’accusa di aver sottratto informazioni personali degli utenti sfruttando codice nascosto all’interno dei videogiochi. L’utente che ha sporto querela è lo statunitense Michael Turner che ha inoltre richiesto che la causa venga promossa allo status di class action, in questo modo anche altri utenti che si ritengono danneggiati potranno partecipare alla causa. Notiamo che secondo la causa appena avviata alcuni giochi sviluppati da Storm8 contenevano codice in grado di superare le protezioni integrate da Apple in iPhone, proprio per bloccare la raccolta dei dati degli utenti.

Nella querela si specifica che Storm8 ha implicitamente ammesso di aver raccolto e trasmesso i dati degli utenti rispondendo in una mail di supporto. Nel mese di agosto alcuni utenti allarmati dagli articoli apparsi su giornali e Web hanno richiesto delucidazione allo sviluppatore. Nella mail di risposta il personale di Storm8 ha ringraziato gli utenti per la comunicazione aggiungendo che il problema era generato da un bug o da una svista all’interno del codice. Secondo il querelante occorre software molto specializzato e scritto appositamente per ottenere le informazioni personali di un utente iPhone, per questa ragione le dichiarazioni di Storm8 circa il bug o l’accidentalità  dell’inconveniente sarebbero non accettabili.