Tiscali propone l’ADSL 2 dove non arriva l’ADSL

di |
logomacitynet696wide

Supera tutti l’operatore sardo e propone abbonamenti fino a 12 Mbit al secondo ove il doppino telefonico lo permette, e lo permette più lontano della concorrenza.

Dopo le dismissioni delle attività  secondarie, Tiscali sta risalendo la china e chi l’ha osservata ultimamente in Borsa ne è buon testimone, ma quali le novità  per gli utenti dei servizi di Sa Illetta, Cagliari?

Tutti gli abbonati “domestici” in ADSL di Tiscali passeranno dai precedenti 640 Kbit/s o 1,280 Mbit/s direttamente a 2 Mbit/s costituendo così la “soglia d’ingresso” anche dei nuovi abbonati ADSL, con IP dinamico. Ove il doppino telefonico lo permetta.

Non solo più banda ma anche più diffusione, grazie all’uso della ADSL 2, nel senso che ci sarà  un aumento di circa il 30% della capacità  di trasporto dei segnali ADSL sul normale doppino telefonico, ove prima con ADSL un utente poteva essere distante 10 Km (per esempio) dalla più vicina centrale ADSL, ora con ADSL 2 l’utente più lontano potrà  essere posizionato a 13 Km.

Si veda a lato la nuova infrastruttura ADSL che entro dicembre 2004 collegherà  24 città  italiane (Milano, Torino, Brescia, Padova, Genova, Bergamo, Alessandria, Venezia, Verona, Roma, Firenze, Bologna, Pescara, Modena, Pisa, Ancona, Bari, Salerno, Palermo, Napoli, Cagliari, Catania, Cosenza e Messina, ma con particolare attenzione anche ala nuova provincia di Monza) ognuna dotata di MAN in fibra ottica, tra loro collegate via backbone proprietarie sempre in fibra ottica. Se ne aggiungeranno altre man mano che la richiesta ne giustificherà  l’investimento.

I benefici con i nuovi abbonamenti ADSL di Tiscali non terminano qui, oltre alla banda e alla distanza che crescono, i costi scendono dai precedenti 37 euro al mese per “640 sempre” e 57 euro al mese per “1280 sempre”.

Fino all’8 novembre chi sottoscriverà  un abbonamento 2 Mega Free non pagherà  nulla per tutto il restante 2004, dal primo gennaio pagherà  l’abbonamento a consumo per 1,80 euro IVA compresa all’ora con l’aggiunta di 20 euro IVA compresa per l’attivazione oppure 30 euro IVA compresa se si decide di accettare il modem scelto da Tiscali, in questa offerta “base” sono compresi anche 10 indirizzi di posta elettronica con capienza di 50 MB ciascuno e 100 MB di spazio di archiviazione, la banda (non assicurata) può arrivare fino a 2,048 Mbit/s in download e a 512 Kbit/s in upload.

Le successive sono tutte proposte flat (non a consumo orario) e sono così strutturate: 2 Mega Flat, se sottoscritta entro l’8 novembre costa 30 euro IVA compresa e poi costerà  17 euro IVA inclusa per i mesi a seguire, comprende 10 indirizzi di posta elettronica con capienza di 50 MB ciascuno e 100 MB di spazio di archiviazione per un dominio .it, la banda (non assicurata) può arrivare fino a 2,048 Mbit/s in download e a 512 Kbit/s in upload, se si desidera il modem di Tiscali bisogna aggiungere 3 euro IVA compresa al mese, per un router Tiscali altri 9 euro IVA compresa al mese e per l’apparecchiatura Wi-Fi (802.11b) altri 10 euro IVA compresa al mese.

Per i più esigenti c’è 6 Mega Flat, se sottoscritta entro l’8 novembre costerà  70 euro IVA compresa per sempre, se sottoscritta dopo costerà  100 euro IVA inclusa, comprende 10 indirizzi di posta elettronica con capienza di 50 MB ciascuno e 100 MB di spazio di archiviazione per un dominio .it, la banda (non assicurata) può arrivare fino a 6,144 Mbit/s in download e a 640 Kbit/s in upload, se si desidera il modem di Tiscali bisogna aggiungere 3 euro IVA compresa al mese, per un router Tiscali altri 9 euro IVA compresa al mese e per l’apparecchiatura Wi-Fi (802.11b) altri 10 euro IVA compresa al mese.

Infine l’offerta top è 12 Mega Flat, se sottoscritta entro l’8 novembre costerà  100 euro IVA compresa per sempre, se sottoscritta dopo costerà  150 euro IVA inclusa, comprende 10 indirizzi di posta elettronica con capienza di 50 MB ciascuno e 100 MB di spazio di archiviazione per un dominio .it, la banda (non assicurata) può arrivare fino a 12,288 Mbit/s in download e a 1,024 Mbit/s in upload, se si desidera il modem di Tiscali bisogna aggiungere 3 euro IVA compresa al mese, per un router Tiscali altri 9 euro IVA compresa al mese e per l’apparecchiatura Wi-Fi (802.11b) altri 10 euro IVA compresa al mese.

Tiscali propone anche mega-caselle di posta da 2 GB accessibili sia dagli applicativi email che dal web, sulla scia dell’idea (gratuita) lanciata qualche mese fa da Gmail by Google, Extramail costa 20 euro all’anno e, solo per i clienti Tiscali ADSL c’è la possibilità  di pagare eventualmente la tariffa di 2 euro al mese.

“Tiscali è l’unico operatore in grado di fare questo genere d’offerta” hanno dichiarato Sergio Cellini (managing director), Andrea Podda (CTO) e Ugo Bressanello (director of media & on line) e questo grazie all’adozione di DSLAM – Digital Subscriber Line Access Multiplexer di nuova generazione con shared access su linee affittate da Telecom Italia.

“Il bacino dell’utenza potenziale di queste connessioni sarà  di 6 milioni e secondo alcune indagini il 42,7% degli utenti Internet non vede l’ora di poter agganciarsi a reti ADSL a larga banda e grazie all’ULL – Unbundling del Local Loop non si obbliga l’utente a scollegarsi dall’operatore nazionale per le telefonate perché viene separata la banda di frequenza utilizzata per l’ADSL da quella utilizzata per la telefonia, attraverso uno splitter installato presso la centrale telefonica locale” sono state le dichiarazioni del management di Tiscali.

Tiscali è riuscita ad avere al contempo buoni margini di guadagno (tra i ricavi e i costi diretti dal 50 all’80%) e prezzi bassi per la clientela esigente, si calcoli che i prezzi dell’operatore sardo sono di un tredicesimo rispetto a quelli della fibra ottica di Fastweb.

ADSL 2 di Tiscali sarà  in grado di fornire nel prossimo futuro anche telefonia over IP (con un numero di telefono aggiuntivo sempre indipendente dalla linea tradizionale) e Tiscali Video CLub, ovvero film in download (poco più di 1 ora di download a 2 Mb/s e visibile per 4 giorni al massimo) o in streaming, ma sempre con il modello DRM di Microsoft Win Media Player (non compatibile Mac) oltre alla musica del negozio già  attivo in collaborazione con OD2.

Tiscali effettuerà  i test sulle linee del cliente, per verificare a che livello la banda ADSL raggiunge l’abitazione, solo dopo che questo avrà  sottoscritto l’abbonamento.