TomTom infrange brevetti Microsoft: Redmond fa causa

di |
logomacitynet696wide

Il gigante di Redmond sostiene che TomTom utilizza 8 tecnologie Microsoft: dopo un anno di tentativi falliti per accordare l’utilizzo in licenza, Redmond ha avviato una causa legale.

Microsoft ha avviato un’azione legale nei confronti di TomTom sostenendo che l’azienda olandese utilizza illecitamente 8 tecnologie sviluppate da Microsoft. Le ragioni dell’attacco sul fronte legale sono spiegate da Horacio Gutierrez corporate vice president e deputy general counsel per le proprietà  intellettuali di Microsoft che 5 delle proprietà  intellettuali MS in questione riguardano tecnologie per la navigazione GPS sulle automobili, mentre altre 3 soluzioni MS sono individuate nelle tecnologie utilizzate da TomTom per la gestione dei file.

Gutierrez ha inoltre dichiarato che Microsoft ha cercato per oltre un anno di trovare un accordo con TomTom per l’utilizzo in licenza delle tecnologie proprietarie: il fallimento delle trattative ha portato così all’avvio dell’azione legale come ultimo tentativo per cercre di sbloccare la situazione e arrivare finalmente a un accordo tra le due aziende. Gutierrez ha espresso in più interviste l’intenzione di Microsoft di abbandonare l’azione legale nel caso in cui TomTom si dichiari disponibile alla trattativa per l’utilizzo in licenza.

Infine vale la pena notare che anche il mondo Open Source e soprattutto le aziende che utilizzano software Open sta osservando con attenzione l’evolversi della vicenda. Le tre tecnologie proprietarie per la gestione dei file di cui Microsoft rivendica la proprietà  intellettuale nei confronti di TomTom sono infatti utilizzate in elementi del kernel Linux, all’interno di soluzioni del costruttore olandese. Nel 2007 Microsoft dichiarò che Linux viola non meno di 235 brevetti MS, infiammando il già  teso rapporto tra Redmond e il mondo Open Source.

In realtà  da allora Microsoft non ha mai rivendicato o avviato azioni legali contro singoli sviluppatori né con le numerose aziende che utilizzano Linux: la vicenda TomTom è la prima ma, secondo alcuni osservatori, potrebbe non essere l’ultima.