Top 10 CNN dei fallimenti tecnologici dell’anno, Apple c’è

di |
logomacitynet696wide

CNN compila la classifica dei dieci più significativi scivoloni del 2010 nel campo della tecnologia. Apple occupa il primo e il decimo posto della graduatoria con Antennagate e Ping. Nella lista anche altre grandi come Google, Microsoft e Facebook.

Il cane che morde l’uomo non fa notizia, quel che fa notizia è l’uomo che morde il cane. È questo semplice e noto modo di dire spesso usato nel giornalismo a dire quale sia il principio cui ci si deve affidare per capire che cosa merita un titolo e che cosa non lo merita e certamente vedere il nome di Apple in una classifica di fallimenti è davvero “il cane che morde l’uomo” e una notizia da copertina. L’ardire di citare Cupertino non una ma ben due volte nella top ten dei fallimenti “tech” dell’anno è di CNN in un articolo che nel corso delle prossime ore potrebbe fare molto rumore.

Apple, addirittura, figura al primo posto della classifica dei peggiori scivoloni dell’anno con l’infausto “Antennagate”. Il fenomeno di attenuazione del segnale di antenna di iPhone 4 sono definiti da CNN  «un fatto reale e un grosso  che ha colpito il lancio del nuovo iPhone. Prima Apple ha detto che il problema non esisteva, poi ha detto che era un problema di software, alla fine ha più o meno detto che il problema c’era e ha regalato custodie per attenuare il disagio. Infine Apple ha detto che il problema non esiste più e ha smesso di regalare custodie. A distanza di mesi il problema è quasi del tutto dimenticato e il telefono non mostra segni di calo di popolarità. Per questo – ammette CNN – parlare di fallimento in questo caso ha un significato piuttosto relativo»

Apple appare anche al decimo posto tra i punti più bassi dell’anno con Ping. «Sapevate che c’è una componente social in iTunes? Beh non vi preoccupate. Non ci sono tutti i musicisti e non si integra con Facebook e nella maggior parte dei casi ha l’unico scopo di spingervi a comprare musica. Non c’è da stupirsi se non ha preso piede».

Apple non è comunque l’unica big ad essere nella lista delle bucce di banana su cui sono scivolate le società hi-tech. La classifica vede la presenza anche di Microsoft (il cellulare Kin), Google (Nexus One e Buzz) e Facebook (tutela della privacy degli utenti), una compagnia decisamente di peso e che richiama alla mente un altro modo di dire: più in alto ci si colloca, più visibili sono errori e fallimenti. E certamente oggi in pochi possono dire di essere più in alto di Apple nel mondo della tecnologia.