Treo 650, stop alla vendite in Europa

di |
logomacitynet696wide

Palm, in conseguenza delle leggi Ue in materia ambientale, annuncia la sospensione della vendita del Treo 650 in Europa a partire da oggi. Colligan: “Presto un nuovo modello”. Mercati preoccupati.

Il Treo 650 cesserà  di essere venduto in Europa a partire dal oggi; 30 giugno. Questo quanto si è appreso dalla conferenza di presentazione dei risultati fiscali di Palm.

Secondo alcuni resoconti giornalisti, per ora non suffragati da alcun comunicato ufficiale né informazione specifica di Palm, la decisione sarebbe frutto delle nuove leggi in materia di tutela ambientale, le stesse che hanno costretto Apple alcuni giorni fa a ritirare dal mercato alcuni accessori e hardware più datato. Ma se per Apple si trattava di prodotti minori per Palm la cancellazione del Treo 650 dal mercato europeo rappresenta un colpo di non scarso conto.

Il cellulare intelligente è infatti attualmente l’unico modello di Treo disponibile nel vecchio continente dove non sono in commercio né il Treo 700w né il 700p. In pratica dal 30 giugno in avanti Palm non avrà  più alcuno smartphone nei paesi dell’Unione e tutto il suo business sarà  interamente basato sui PDA, ciò quando su scala mondiale il Treo è il prodotto principale e quello che genera più profitti.

“Il Treo 650 era arrivato oltre il suo ciclo commerciale – ha detto nel corso dell’incontro con analisti e giornalisti il Ceo Ed Colligan. Lo sostituiremo al più presto possibile”. L’amministratore delegato di Palm non ha però reso noto quando in Europa sarà  messo in vendita un nuovo Treo.

L’impatto dell’uscita del Treo dal mercato Europeo potrebbe essere significativa se si considera che ad essa Palm attribuisce, almeno in parte, una stima di profitto per il trimestre in corso al di sotto delle previsioni: tra i 380 e i 385 milioni contro i 413,4 milioni che erano nel mirino di Wall Street.

Gli investitori hanno accolto con preoccupazione le notizie giunte dalla conferenza di presentazione dei risultati fiscali che pure per il trimestre passato aveva superato le previsioni (53% in più rispetto allo stesso trimestre del 2005 nei guadagni, il 20% in più nel fatturato). Nell’after hour le azioni PALM sono infatti state colpite da una ondata di vendite che hanno portato ad un ribasso vicino al 10%.