Tutti vestiti da iPod per Halloween

di |
logomacitynet696wide

La mania per l’€™iPod emerge dalla coscienza collettiva anche grazie a chi ha deciso di vestirsi da iPod per Halloween. Su C/Net qualche folle idea per ‘€œdiventare’€ il player più amato del mondo.

Dopo esserselo comprato, esserselo messo in tasca per andare ovunque e averlo amato come un figlio, eccolo l’€™ultima idea: diventare iPod. Riuscire nell’€™impresa, data la presenza di circuiti. LED e display a cristalli liquidi, non è facile, ma c’€™è chi ci ha provato puntando su un costume che, più o meno fedelmente, riproducesse le fattezze del lettore MP3 di Apple.

Una galleria di ‘€œmodelli’€ in divisa da iPod è stata presentata ieri dal sito dedito alla tecnologia C/Net. Si tratta di sette immagini che rappresentavano un’€™idea per il travestimento di Halloween.

C’€™è chi non ha puntato molto sulla fedeltà  della riproduzione del ‘€œlook and feel’€, quanto sull’€™idea, come un’€™anonima ragazza, si è limitata a mettersi un vestito azzurro a cui ha appiccicato una clickwheel piuttosto approssimativa, o Chaim Gartneberg (figlio, sia detto per inciso, di Michael Garteberg, vicepresidente della prestigiosa casa di analisi specializzata in media digitali Jupiter Research) che si è vestito di bianco ritagliando nel cartone le sagome della rotella ciccabile e dello schermo.

Ammirevole, invece, per fedeltà  del dettaglio la divisa da iPod di Larry Koteff che ha riprodotto nei minimi particolari un iPod, tanto che il costume appare come un grande player con delle gambe che spuntano dal di sotto. Ancora più sofisticata l’€™idea messa in pratica da Jared Winick che non era propriamente vestito da iPod, ma aveva al collo un gigantesco player perfettamente funzionante. Per far riprodurre audio al ‘€œcostume’€ Jared ha usato Tablet PC, qualche riga di codice Java, batterie ricaricabili e due altoparlanti.

Infine non poteva mancare chi si è ispirato alle silhouette degli spot. C/Net presenta alcuni gruppi (anche qui più o meno riusciti) in rigorosa divisa nera (e faccia cosparsa di un non identificato prodotto sempre nero) che ballano davanti agli sfondi in colore elettrico tipico dei primi spot Apple.