Tuttocompreso per iPhone, un bug nel passaggio tra mesi?

di |
logomacitynet696wide

La Tuttocompreso lascia scoperte alcune ore nel passaggio tra un mese e l’altro? Secondo quanto ha riferito un addetto di Tim ad un lettore di Macity il problema c’è, e può costare caro alle tasche degli clienti dell’operatore mobile di Telecom Italia.

C’€™è un bug, potenzialmente molto costoso per le tasche dei clienti, nel sistema di conteggio dei bundle iPhone di Tim? La segnalazione, per ora singola ma molto dettagliata e per questo da raccogliere con attenzione, arriva a Macity da Nicola Migliori, un nostro lettore che possiede un iPhone da 16 GB bianco che ha corredato con abbonamento Tutto Incluso iPhone 250.

«Ho stipulato questo contratto – ci dice Nicola – con addebito su carta di credito mantenendo la tipologia di prepagata. Mi sono accordo telefonando al 4916 di non aver più credito residuo sceso a 0,99 euro senza apparente ragione. Ho chiamato subito il 119 che mi ha rinviato ad un appuntamento con uno ‘€œspecialista’€ che mi ha dato una giustificazione che mi ha lasciato di stucco: il sistema di Tim genera un ‘€œbuco’€ nella registrazione del traffico in bundle nel passaggio tra un mese e l’€™altro del bundle Tutto Incluso. In pratica non si passa immediatamente da un mese all’€™altro del bundle, ma in mezzo c’€™è un momento di non copertura e se in quel momento si usa l’€™iPhone per navigare non sia attinge al monte dati e minuti del bundle, ma si paga a consumo»

Che cosa questo significa è facilmente intuibile. Se quanto è stato riferito a Nicola è vero, in pratica, usando iPhone nella notte tra la fine del mese (tra il 20 e il 21 agosto per il nostro lettore) e l’€™inizio del nuovo e i sistemi di Tim non hanno ancora riattribuito il bundle del nuovo mese il contro grava sulla prepagata o sull’€™abbonamento, a tariffe previste dal contratto sottostante che praticamente mai sono convenienti e in qualche caso sono davvero molto care.

«Nel mio caso – ci dice ancora Nicola – avevo ancora 123 minuti in voce e 480 MB di traffico che sono stati azzerati, ma non essendo partito subito il nuovo mese di bundle è arrivata la mazzata. Il responsabile Tim mi ha confermato che questo momento di black out può durare addirittura qualche ora. ‘€œGenerosamente’€ TIM avrebbe deciso di rimborsare a tutti i clienti incappati in tale problema il traffico scalato ingiustamente, ma in futuro, dato che ora i clienti dovrebbero essere al corrente del problema non sarà  rimborsato più nulla. La soluzione sarebbe una sola: non usare iPhone nella notte nel passaggio tra i due mesi o verificare se è partito il nuovo bundle».

Quella che ci giunge da Nicola non è la prima segnalazione su problemi nella gestione del bundle dati di Tim e nel sistema informativo. Tra gli altri si ripetono mail di lettori che lamentano, in particolare, la lentezza con cui viene aggiornato il conto; in pratica telefonando ai numeri destinati a fornire un quadro dei consumi o consultando il sito Internet si ottengono informazioni non puntali che non permettono di sapere qual è il reale stato dei consumi e quando resta del bundle. Fino ad oggi, però, mai ci era stato segnalato un caso come quello che ci presenta il nostro lettore. Per altro non risulta che altri bundle (come ad esempio quelli per Blackberry) abbiano un comportamento tanto ‘€œanomalo’€

Macity tenterà  di saperne di più. Nel frattempo il consiglio è quello di tenere d’€™occhio il conto verificando accuratamente che il bundle sia attivo e di evitare l’€™utilizzo tra la mezzanotte e le prime ore del mattino del giorno successivo.