Un nuovo satellite per migliorare Google Earth

di |
logomacitynet696wide

Martedì verrà  lanciato un nuovo satellite artificiale di DigitalGlobe, fornitore delle immagini che servono alla visualizzazione del “mondo di Google Earth”. Il lancio in diretta web e a breve i primi miglioramenti della cartografia di Google.

Quickbird sta già  correndo dal 2001 nella sua orbita, fotografando senza posa la superficie del suolo terrestre. Adesso, WorldView I, il primo di una nuova generazione di satelliti artificiali per il telerilevamento di proprietà  di DigitalGlobe, sta per spiccare il volo. Il lancio avverrà  domani, martedì (da qui sarà  possibile seguire in diretta il distacco del vettore dalla base dell’aeronautica Usa di Vandenberg.

Il satellite, che è stato sviluppato in collaborazione con altre aziende e in parte con i fondi del Pentagono (tramite la National Geospatial-Intelligence Agency) pari a 500 milioni di dollari, sarà  in grado di rilevare immagini al ritmo di 600 mila chilometri quadrati al giorno (Quickbird ci mette una settimana a raggiungere lo stesso
quantitativo) e di rilevare oggetti con una risoluzione compresa tra i 7,5 e i 10 metri.

Al WorldView 1 seguirà  un WorldView 2 nel 2008, entrambi funzionali al miglioramenti delle immagini a disposizione dei loro clienti commerciali – tra i quali segnatamente Google – e soprattutto per il committente militare. La principale vocazione di WorldView, infatti, sarà  quella di essere un “satellite spia” di monitoraggio e le immagini rilevate dai sensori di telerilevamento più raffinati non verranno ceduti a società  pubbliche ma riservati alle agenzie per la sicurezza e l’intelligence americana.

DigitalGlobe è una società  privata che da tempo è nel mercato dei satelliti per il telerilevamento e la cartografia digitale che, con Google ma anche con la crescita del mercato dei navigatori personali, ad esempio, si sta allargando notevolmente. DigitalGlobe si sta preparando alla quotazione in Borsa anche se i rappresentanti dell’azienda non hanno chiarito se questo avverrà  prima o dopo il lancio del satellite previsto per la primavera del 2008.