Una tecnologia per migliorare l’accessibilità  al web dei soggetti ipovedenti

di |
logomacitynet696wide

IBM ha presentato un software collaborativo in ambito Social Accessibility che permette agli utenti Internet di migliorare l’accessibilità  ai siti on line.

Il software consente agli utenti ipovedenti o addirittura non vedenti di segnalare i problemi di accessibilità  ai contenuti. Inoltre, ogni utente che desiderasse offrire il proprio contributo può rispondere a queste richieste inoltrate dai soggetti non vedenti utilizzando uno strumento che permette di fornire un testo alternativo, risolvendo così il problema segnalato. Il software, tra l’altro, permette agli autori di siti web di localizzare facilmente il problema segnalato e di apportare le necessarie modifiche per rendere la pagina web più accessibile.

Immaginiamo che un utente ipovedente voglia scoprire quale immagine viene visualizzata sul suo schermo. L’immagine rappresenta una foto del monte Fuji durante il tramonto. Il software di lettura schermo attuale potrebbe non ottenere le stesse informazioni mostrate sullo schermo, o forse una descrizione della foto non è semplicemente disponibile. Ogni qualvolta un utente ipovedente si trova di fronte ad un problema di questo tipo, può segnalare l’inconveniente utilizzando il tool collaborativo realizzato da IBM e chiedere che venga aggiunto un testo alternativo per meglio descrivere l’immagine in questione.

Successivamente la richiesta è automaticamente trasmessa ad un server che ospita il sito del Social Accessibility Project dove gli utenti ipovedenti e qualsiasi altro utente interessato a dare un contributo per migliorare l’accessibilità  al Web si possono registrare per poi utilizzare il tool collaborativo. I normali utenti internet registrati al Social Accessibility Project sono così in grado di vedere le richieste sul sito del Progetto, e possono eventualmente decidere di rispondere alle stesse utilizzando il tool collaborativo cliccando sul tasto “start fixing it” e aggingendo una breve descrizione come ad esempio “Fotografia: Monte Fuji durante uno splendido tramonto”. La breve descrizione viene automaticamente trasferita in un meta data esterno. Successivamente quando una persona ipovedente cercherà  di compilare un modulo di domanda del genere, il software di lettura schermo leggerà  il testo alternativo ricavato dal meta data esterno e offrirà  una spiegazione migliore sulle informazioni da inserire.

Per migliorare l’usabilità  dei contenuti Web, il Social Accessibility Project Website offre un meccanismo incentivante in cui gli utenti del software di lettura schermo possono valutare la qualità  del metadata esterno fornito dagli utenti Internet con la possibilità  di aggiungere un commento di apprezzamento. Inoltre, gli utenti attivi sono visualizzati nella parte alta della pagina del Progetto al fine di riconoscere la loro partecipazione attiva al progetto.

Gli utenti del software di lettura schermo possono inoltre posizionare un landmark non appena trovano una posizione importante sul Web, e altri utenti possono trarre beneficio da questi landmark nell’accedere alle informazioni importanti in modo più semplice e veloce.

Il metadata data è composto da informazioni utili quali descrizione dei contenuti e della locazione fisica di un contenuto particolare. Avendo metadata esterni nel web server, il contenuto Web resterà  invariato rendendo al contempo il web più accessibile.

Per promuovere la partecipazione al progetto, il Social Accessibility Project Website e il tool collaborativo saranno disponibili gratuitamente sul sito AlhaWorks Services. Per rendere i contenuti web più accessibili, è essenziale ottenere un feedback costante dagli utenti e sfruttare questa possibilità  di collaborazione è fondamentale per il buon esito di questo progetto.

[A cura di Mauro Notarianni]