Una voce da oriente: PDA Apple in arrivo

di |
logomacitynet696wide

Il mito di un PDA Apple è duro a morire. Nella notte da Taiwan rimbalza la notizia che Inventec, una società  locale, avrebbe in tasca un contratto per l’assemblaggio di 600.000 palmari l’anno con il marchio della Mela. I manager smentiscono ma il titolo Inventec sale del 7%.

Uno dei “miti” duri a morire è quello che vuole Apple interessata alla produzione di un PDA. Nonostante Cupertino, numerose volte anche apertamente e per bocca del suo CEO Steve Jobs abbia smentito il suo interesse per il segmento la voglia di un computer da tasca con il logo della Mela continua a circolare con insistenza.
Delle scorse ore la notizia, rimbalzata dall’oriente, secondo cui Inventec, una società  Taiwanese, avrebbe ottenuto da Apple un contratto per la produzione di 600.000 palmari l’anno. Secondo le fonti, il giornale Economic Daily News, addirittura il palmare sarebbe vicino alla produzione in serie con data prevista di consegna il quarto trimestre di quest’anno, di fatto la fine del 2001.
I responsabili di Inventec, che in effetti ha nella sua linea di produzione anche l’assemblaggio di PDA, hanno però recisamente smentito. “Questa mattina (venerdì a Taiwan NDR) diversi nostri manager si sono riuniti – ha detto il responsabile delle operazioni finanziarie Lee Kui-lan talla Reuters – e nessuno sapeva nulla di un contratto stipulato con Apple”, rifiutandosi poi di commentare oltre l’indiscrezione.
L’indiscrezione, però, è stata ritenuta credibile da almeno un settore del mercato azionario che ha premiato Inventec. L’indice dei corsi della società  alla borsa di Taiwan, secondo Reuters, ha fatto un balzo in avanti di oltre il 7% mentre il resto del listino non cresceva più del 2%.