Universal Music: “indecente il contratto per iTunes”

di |
logomacitynet696wide

L’amministratore delegato di Vivendi-Universal lancia strali contro iTunes: “Indecente il contratto che ci lega ad Apple”. Suonano di nuovo i tamburi di guerra.

Il contratto che lega Universal Musica ad Apple è indecente. Ad usare proprio questo termine ‘€œindecent’€, che anche in inglese ha proprio lo stesso significato che assume in Italiano, è Jean-Bernard Levy amministratore delegato di Vivendi, la società  che controlla Universal.

Ad suscitare scandalo sarebbero i vantaggi di cui Apple gode nei confronti dei fornitori di contenuti. ‘€œLa bilancia pende troppo nettamente a favore di Apple’€ ha detto Levy durante una conferenza stampa che si è tenuta a Parigi. L’€™indecenza sarebbe nel fatto che ai possessori dei diritti della musica vanno “solo” 70 centesimi ma soprattutto il fatto che la remunerazione è la stessa per i classici come per le novità , cosa che non dovrebbe essere. ‘€œDovremmo avere un sistema di prezzi differenziato’€, ha detto ancora Levy.

Queste parole hanno indotto qualche giornalista a chiedere all’€™amministratore delegato di Vivendi se l’€™ipotesi di abbandonare definitivamente iTunes possa diventare concreta. Levy ha replicato in maniera sibillina: ‘€œSiamo in una fase durante la quale molti soggetti differenti stanno parlando l’€™uno con l’€™altro. Stiamo tentando di mettere insieme numerosi progetti per fare sì che la musica sia meglio remunerata. Non stiamo parlando solo con Apple’€.

Universal Music, da tempo, conduce una guerra intestina contro Apple. L’€™ultimo episodio è di qualche mese fa quando la casa discografica, la più grande al mondo per catalogo, ha deciso di non firmare più contratti a lungo termine per iTunes, ma solo contratti mensili. Apple e Universal possono ora chiudere il rapporto con un solo mese di preavviso.