Vecchi e nuovi PowerMac a confronto

di |
logomacitynet696wide

Che differenze ci sono tra le due generazioni di PowerMac che si sono avvicendate il 19 Ottobre 2005? Aguzziamo la vista e, in attesa dei benchmark indipendenti valutiamo le variazioni di dotazione e di prezzo.

Dei nuovi processori processori dual core e delle nuove schede video (in dotazione o opzionali) abbiamo già  scritto su MacityNet.
Ora vediamo quali sono le differenze di costo e di dotazioni tra le due generazioni di PowerMac a cavallo del mese di Ottobre e se è conveniente rivolgersi ai vecchi modelli magari a prezzi di fine serie.

Il modello Base
Partiamo dal modello di entrata: ora per comprare un PowerMac G5 base occorrono 100 Euro in più (si passa da 1.979 e 2.079 Euro) e a fronte di questo abbiamo un processore G5 dual core da 2 Ghz contro due processori G5 singolo nucleo: la cache totale di Livello 2 raddoppia: ora e’ di 2×1 MB (1 MB per singolo nucleo) contro 2×512 KB.
Rimangono invariati bus frontside (da 1 GHz) mentre la memoria si velocizza con l’utilizzazione della SDRAM DDR2 a 533 Mhz in luogo della DDR 400 ed ora si possono montare 16 GB di RAM massima in luogo degli 8 della serie precedente.
La scheda video passa dalla ATI Radeon 9600 alla piu’ prestante NVIDIA GeForce 6600 in versione LE sempre con 128 MB SDRAM.
Il bus è cui è collegata è ora PCI Express al posto di PCI-X e questo permette l’installazione di schede video molto più prestanti e moderne con l’opzione della NVidia Quadro anche sul modello base.
Rimane lo stesso l’HD da 160 GB serial ATA ma ora, grazie ai nuovi HD più capienti la capacità  massima interna arriva ad un Terabyte (2 x 500 GB)

Cambia in parte la connettività : sparisce il modem interno, ora disponibile come opzione esterna a 55 Euro e compare una seconda porta Gigabit Ethernet per realizzare connessioni a router o a unità  Xsan raggiungendo i 2 Gigabit teorici ed una maggiore ridondanza con la tecnica “Links Aggregation” e lo standard 802.3ad introdotto con Tiger.

Airport e Bluetooth sono sempre opzionali a 100 Euro: le antenne esterne sono scomparse a favore di una unica antenna che serve le trasmissioni delle due tecnologie wireless.
Non secondaria è la minor produzione di calore del singolo processore dual core rispetto ai due processori separati che dovrebbe diminuire l’intervento delle ventole e la silenziosità  globlale del desktop.

Da notare che i nuovi modelli hanno un diverso tipo di connettore per l’alimentazione che va al di fuori degli standard e rende difficile l’interscambio con altri cavi che potreste avere nella vostra dotazione.

Il modello intermedio
Valgono le stesse considerazioni fatte per il modello base con alcune differenze aggiuntive.
Qui l’aumento di prezzo è di 80 Euro invece di 100 e la dotazione in ram della scheda video passa 128 MB (della Radeon 9600) ai 256 MB della Nvidia GeForce 6600.

Il modello Top
Qui le differenze sono più evidenti nella potenza di elaborazione: si passa da un doppio processore G5 da 2.7 Ghz a doppio processore dual core (da qui il nome “Quad”) da 2.5 Ghz e il prezzo sale di 450 Euro.

La spesa parrebbe giustificata dall’incremento di prestazioni.

powermac apple a confronto

Per ulteriori informazioni sulla configurabilità  e la scelta di dotazioni dei nuovi PowerMac vi rimandiamo a questa pagina del sito Apple.