Video Olimpici in TV: la Rai dice no al Mac

di |
logomacitynet696wide

Le trasmissioni online dei contenuti video delle Olimpiadi, disponibili su RaiClick sono visualizzabili solo con sistema operativo Windows Microsoft “Scelta tecnologica obbligata”, dice la TV di Stato. Ma Eurosport e la TV Svizzera di lingua italiana non sembrano vincolati altrettanto strettamente e offrono la visione anche a chi ha un Mac.

Se volete vedere i videoracconti delle Olimpiadi invernali su Internet o non usate il Mac o non rivolgetevi alla Rai. Queste le conseguenze della scelta attuata dalla Tv di Stato in fatto di tecnologie per i giochi di Torino.

Per sperimentare da soli quanto stiamo dicendo basta collegarsi al sito della Rai per i giochi e provare ad accedere ai filmati. L’€™esito sarà  sconfortante, anche se si disponde del plugin per Windows media o si tenta di aprire l’archivio con tool come VideoLanC.

Il perché ce lo dice la stessa Rai

“Gentile utente,
Per poter ritrasmettere le gare olimpiche su internet, L’ European Broadcasting Union, su precise indicazioni del Comitato Olimpico, ha fornito una serie di regole atte a proteggere e tutelare i diritti dei contenuti olimpici. Le regole nello specifico si articolano in due punti: geolocalizzazione degli accessi (ossia ogni nazione potrà  ritrasmettere unicamente all’interno del proprio territorio nazionale i contenuti olimpici, questo comporta che gli utenti con IP esteri, dal 10 al 28 febbraio, non avranno accesso ai video) protezione da deep linking per evitare la ritrasmissione fraudolenta dei contenuti olimpici da siti non autorizzati’€

Secondo quanto si legge Rai Click per poter rispondere a questi requisiti, avendo così l’autorizzazione dall’IOC di ritrasmettere i contenuti, ha implementato una tecnologia DRM (digital right management) su tutti i video, che l’€™avrebbe obbligata a scegliere Windows Media e tecnologie Microsoft. ‘€œLa conseguenza – dice Rai – è che sono esclusi i computer Mac e chi accede al di fuori dal territorio italiano’€.

Le spiegazioni, per quanto ‘€œtecnicamente’€ giustificate, in realtà  non appaiono molto convincenti. Diverse altre emittenti TV non sembrano avere avuto gli stessi problemi di Rai. Ad esempio Eurosport mette a disposizione di tutti alcuni servizi sui protagonisti degli avvenimenti di questi giorni e la stessa cosa accade per la www.rtsi.ch/torino2006 TV Svizzera Italiana.

‘€œSì é vero – ci dice Lorenzo De Carli, responsabile del team Internet di Rtsi – per vedere filmati sul nostro sito web, basta avere a disposizione Real. Il tutto è quindi fruibile sia con Mac sia con Linux’€. Neppure la logica delle territorialità  impedisce la massima fruibilità : ‘€œil nostro sito permette la visione da qualunque paese aderente all’EBU (in pratica quelli europei più il Quebec).”

Insomma, pare proprio di capire che trovare una tecnologia, DRM compresi, per garantire una fruibilità  dei filmati dei giochi più vasta di quella legata strettamente alle tecnologie Microsoft (e alla piattaforma PC) non sarebbe stato così difficile. Forse sarebbe semplicemente bastata un po’€™ di buona volontà