Vista su Mac, preparate il portafogli

di |
logomacitynet696wide

Chi fosse interessato ad usare Windows Vista su Mac si prepari a mettere mano al portafogli. Le scelte commerciali attuate da Microsoft per il sistema operativo in arrivo potrebbero rendere il suo uso più costoso di quanto non si potesse pensare in precedenza, anche (e soprattutto) per chi lo vuole utilizzare come Os virtuale.

Chi fosse interessato ad usare Windows Vista su Mac, sfruttando le possibilità  offerte dai software di virtualizzazione del processore, potrebbe non avere vita facilissima ed essere pronto a mettere mano al portafogli con più frequenza e generosità  di quanto prevedibile, e questo non per limitazioni imposte dall’hardware o problemi di compatibilità , ma per la stretta politica di contenimento non solo delle copie illegali, ma anche per il trasferimento del software da un computer all’altro e per il suo utilizzo in ambienti virtuali.

Una delle novità  che riguarda molto da vicino il mondo Mac sono le barriere imposte a chi vuole usare i software di virtualizzazione. Le uniche due versioni di Vista utilizzabili come sistema operativo secondario (come succede con Paralleles Desktop) saranno infatti la Business o la Ultimate che costano da 100 a 200$ (sul mercato Usa) in più rispetto alle versioni Home Basic e Home Premium.

Come se questo non bastasse Microsoft ha deciso che le stesse regole di licenza che vigono in ambito di Pc “reali” dove Vista può esere spostato da un Pc ad un altro solo due volte (alla terza si deve comprare una nuova copia di Vista) vigono anche in ambito virtuale. Se questa limitazione non pare rappresentare un grosso problema per gi utenti Pc tradizionali (chi compra una macchina solitamente l’acquista con il sistema operativo Windows installato) non altrettanto si può dire per gli utenti Mac che vogliono usarlo come sistema operativo “guest” in ambiente virtuale. Chi compra un Mac, infatti, non si troverà  (fatto salvo per offerte non ancora all’orizzonte) incluso nella confezione Vista e il risultato sarà  che al terzo Mac nuovo oppure semplicemente al terzo Mac su cui sarà  stato trasferito Vista, si sarà  costretti a ricomprare il sistema operativo ovvero a spendere, se si vuole usare il listino americano, tra i 299 e i 399 dollari. Se si deciderà  di usare, invece, Boot Camp la spesa potrebbe essere inferiore. Nonostante siano in vigore anche in questo caso le limitazioni saranno le stesse che vigono nel mondo Pc (due soli trasferimenti da una macchina all’altra) se non altro si potrà  anche scegliere di acquistare la più economica Vista Home Basic che non arriva, sempre sul mercato americano, a 99$.