Vodafone limiterà  il p2p e il Voip su rete mobile

di |
logomacitynet696wide

Dal 20 Novembre 2009, Vodafone ha fatto sapere che la velocità  massima di connessione alle applicazioni peer-to-peer o file sharing potrà  essere limitata fra le ore 7:00 e le ore 22:00. Perplessità  per la scelta di limitare le offerte Dati in Mobilità  con computer e cellulari (iPhone, BlackBerry, ecc.): saranno introdotte alcune restrizioni e nuove condizioni per il traffico effettuato con programmi quali Skype simili.

“Uso Equo del Servizio Internet in mobilità ” così ha definito Vodafone il provvedimento che prevede per l’utenza business nuove limitazioni nell’uso di applicazioni peer to peer (e dunque anche file sharing) “allo scopo di salvaguardare la qualità  del servizio Internet”.

A partire dal 20 Novembre 2009, fa sapere Vodafone, la velocità  massima di connessione alle applicazioni peer-to-peer o file sharing potrà  essere limitata fra le ore 7:00 e le ore 22:00. Inoltre nelle offerte Dati in Mobilità  con computer e cellulare (iPhone, BlackBerry, eccetera) saranno introdotte alcune limitazioni e nuove condizioni per il traffico effettuato con applicazioni VoIP.

In sostanza il problema riguarderà  anche chi sfrutta il traffico telefonico con software quali Skype e simili, e ciò francamente è poco comprensibile, poiché le chiamate tramite Skype in termini di consumo di banda sono infinitamente inferiori rispetto, ad esempio, alla visione di filmati su YouTube o da un video scaricato da reti peer to peer.

L’annuncio non è particolarmente sorprendente giacché altri provider (come Wind, ad esempio) applicano già  da tempo il cosiddetto “traffic shaping”. L’aver esteso il “protezionismo” al VOIP sa di protezionismo utile solo per difendere il business tradizionale.
[A cura di Mauro Notarianni]