WSJ: 8 delle prime 10 notizie on line più lette nel 2011 riguardavano Apple

di |
logomacitynet696wide

Il Wall Street Journa fa sapere che otto delle dieci notizie legate al mondo delle imprese più lette nel 2011 della sua testata on line avevano al centro Apple o Jobs oppure tutti e due. La più letta in assoluto è stata quella sulla morte del fondatore della Mela.

collage jobsOtto su dieci delle notizie dedicate al mondo delle imprese (esclusi fatti di attualità e cronaca) più lette sul Wall Street Journal on line di quest’anno riguardavano Apple o Jobs oppure tutti e due. Se serviva ancora una prova di quanto influente e di quanto interesse susciti il mondo della Mela a livello universale, questo dato diffuso oggi dalla prestigiosa testata finanziaria americana contribuisce a sciogliere ogni dubbio.

La serie di news al top dell’interesse dei lettori troviamo l’accordo con Verizon per la vendita di iPhone, il similare accordo con Sprint per commercializzare il telefono Apple, il congedo per malattia che Jobs chiese a gennaio e poi il lancio del nuovo iPad. Apple ha catalizzato l’attenzione anche quando si è appreso che veniva effettuato il tracciamento dei servizi di localizzazione e quando è stato introdotto iPhone; al top del numero di lettori, ovviamente, la morte di Jobs (la notizia del decesso è stata la più letta del WSJ di quest’anno) e, infine, la pubblicazione del libro biografia di Isaacson.

Le uniche due storie top che entrano nella top ten, sono l’attacco di Paul Allen a Bill Gates nel libro di memorie “Idea Man: A Memoir by the Cofounder of Microsoft” e la liquidazione di Bordes.

Il primato di Apple nelle notizie di maggior interesse per i lettori del Wall Street Journal è frutto sia dell’importanza a livello di costume, oltre che di innovazione, di Apple che del peso che la società americana ha per il mercato finanziario. Ricordiamo che allo stato attuale delle cose Apple è la seconda azienda al mondo per valore azionario dietro ad Exxon e che la sua influenza si spinge ben oltre la semplice vendita di hardware e servizi, ma tocca anche settori collaterali come i media e i contenuti in digitali. Vista la quantità di prodotti venduti l’andamento delle vendite di Apple finisce per avere ricadute fondamentali sul mondo del commercio al dettaglio, degli accessori, del software e della componentistica.