Windows Phone 7 Series potrà  disabilitare applicazioni remotamente

di |
logomacitynet696wide

Microsoft fa sapere agli sviluppatori che Windows Phone 7 Series potrà disabilitare remotamente un’applicazione dannosa per il sistema operativo e l’utente finale. La stessa funzionalità annunciata da Apple due anni fa per iPhone aveva suscitato un diluvio di polemiche.

Le applicazioni per Windows Phone 7 Series potranno essere disabilitate a distanza, come accade per quelle iPhone. La similitudine tra le due piattaforme per quanto riguarda questa misura di sicurezza è stata confermata oggi da Microsoft, durante Mix10, la conferenza speciale durante la quale Redmond presenta le novità  in fatto di sviluppo ed innovazione tecnologica, da Istvan Cseri, Distinguished Engineer del settore mobile di Microsoft.

La ragione per cui la società  delle Finetre si è riservata la possibilità  di ‘€œspegnere’€ un applicazione da remoto è la stessa che ha spinto Apple a fare la stessa cosa: un problema di sicurezza. In pratica senza questa opportunità  uno sviluppatore potrebbe creare un programma che involontariamente o appositamente apre porte sfruttabili da parte di un pirata informatico. In alternativa potrebbe anche accadere che un’€™applicazione funzioni in maniera non corretta causando danni che un utente non è in grado di risolvere. In queste e altre situazioni la possibilità  di intervenire remotamente è quanto mai preziosa visto che potrebbero essere influenzati milioni di utenti e un dispositivo che, come il telefono, viene usato per compiti critici nella vita di tutti i giorni, ad esempio per un’emergenza.

Ricordiamo che quanto nell’€™estate del 2008 Apple rivelò di essersi riservata questa opportunità  si scatenò una vera e propria tempesta di polemiche e fraintendimenti con utenti comuni e anche autorevoli giornalisti impegnati a sollevare problemi di privacy o ad invocare il rispetto dei ‘€œconsumatori adulti’€. Al momento, a due anni di distanza dal lancio di App Store e quasi 300mila applicazioni rilasciate, non è noto alcun caso di programma disattivato remotamente da Apple.