X-BOX combatte i pirati

di |
logomacitynet696wide

Modifiche alla X-BOX per impedire l’installazione di mod chip che permettono di usare giochi copiati ma anche software non autorizzato. Redmond conferma, ma non specifica.

Diminuire i costi di produzione ma soprattutto rendere più difficile agli hackers le modifiche hardware e l’€™utilizzo di giochi copiati. Questi gli obbiettivi che si pone Microsoft con l’€™annuncio di alcune modifiche alla sua X-BOX.

La società  di Redmond, che conferma ma non specifica quali siano le modifiche attuate, è sotto assedio da parte di diverse società  che, come accade per altre console, propongono mod chip in grado di rendere leggibili i giochi copiati ma anche di far girare software non ‘€œautorizzato’€ da Microsoft. Quest’€™ultima pratica in qualche caso rende la X-BOX molto simile ad un computer vero e proprio, liberando l’€™hardware dal suo compito specifico di ‘€œmacchina’€ per i videogames.

Le modifiche, messe in atto qualche settimana fa, hanno di fatto reso inutili i chip attualmente in commercio. Secondo qualche sito nessuno di mod chip attualmente in commercio funzionerebbe sulle X-BOX già  modificate.

Per ora le variazioni alle configurazioni originali interesserebbero solo le unità  prodotte in Cina, ma presto raggiungeranno anche quelle assemblate altrove.

Microsoft ha anche introdotto un nuovo Bios ed eliminato la ventola che raffredda la scheda grafica.