X-BOX l’8 novembre

di |
logomacitynet696wide

X-BOX verrà  lanciata l’8 novembre con la campagna promozione più gigantesca mai concepita dai tempi della presentazione di Windows 95. Microsoft vuole imporre lo standard al più presto possibile ma gli analisti sono cauti. Win è davvero in grado di essere alla base di una consolle che, per prima cosa, non deve andare mai in crash?

Il “grande giorno” per X-BOX è fissato per il prossimo 8 novembre. La consolle di Microsoft debutterà , quindi, negli USA proprio a ridosso della stagione degli acquisti natalizi. Una ulteriore conferma, se ce ne fosse bisogno, che il colosso di Redmond è intenzionato a fare sul serio e a dare la massima visibilità  e il massimo traino di mercato al suo prodotto.Altri dettagli sulla commercializzazione di X-BOX sono stati forniti nella giornata di ieri dagli stessi responsabili di Microsoft che hanno parlato nel corso di una presentazione pubblica che si è tenuta all’E3, la fiera del divertimento interattivo, che si sta tenendo a Los Angeles. Si è appreso, tra le altre cose, che il prezzo di listino sarà  299$, circa 700.000 lire, competitivo con quello della PSX2. Colpire la consolle di Sony nel prezzo è stato uno degli obbiettivi primari di Microsoft che per raggiungerlo perde, secondo alcune analisi, più di 250.000 lire per unità  venduta. I responsabili del marketing hanno però bisogno di imporre lo “standard” il più velocemente possibile per costruire una base di utenti, che significano anche una base di sviluppatori, che sostengano lo sforzo di diffusione, impresa non facile conoscendo la popolarità  di PSX 2, già  venduta in milioni di esemplari.Microsoft non può neppure correre il rischio di arrivare sul mercato con pochi esemplari di X-BOX. Di qui la decisione di costruire scorte di magazzino tra 600.000 e 800.000 pezzi al momento del lancio e di promuovere la più imponente campagna pubblicitaria aziendale dai tempi del rilascio di Windows 95.Al momento della presentazione saranno disponibili tra 15 e 20 differenti giochi dei maggiori produttori tra cui anche Sega che ha rinunciato recentemente al business dell’hardware per dedicarsi interamente a quello dello sviluppo.Gli analisti, per dare un giudizio sulle possibilità  di successo della X-BOX attendono di capire che tipo di qualità  di esperienza di gioco essa possa offrire. Le consolles devono avere prima di ogni altra cosa un sistema operativo robusto, in grado di non impiantarsi mai e di essere totalmente trasparente all’utente. Sarà  in grado di garantire queste essenziali caratteristiche una macchina basata su una versione leggermente modificata di Windows?