Xbox 360, ecco come sarà 

di |
logomacitynet696wide

Microsoft presenta ufficialmente la nuova Xbox. Si chiamerà 360 e al suo interno avrà un hardware di tutto rispetto, parente non troppo distante di quello Apple grazie a tre processori PPC di IBM da 3,2 GHz.

Ha finalmente un volto e, soprattutto, delle specifiche tecniche ufficiali la Xbox di seconda generazione. La console di Microsoft, ufficialmente denominata Xbox 360, è stata presentata ieri nel corso di una trasmissione TV andata in onda su Mtv, un megaspot che è servito a preparare il terreno per il debutto ufficiale che avverrà  nel contesto dell’E3 di Los Angeles che inizia nel fine settimana.

La Xbox 360 è stata completamente ridisegnata, fuori e dentro. Ora non è più di colore nero, ma bianco, ha un look più moderno con angoli arrotondati. Microsoft includerà  un telecomando per il controllo a distanza e ha pensato a frontalini personalizzabili, così che ciascun utente potrà  modificare l’aspetto della macchina.

Ma al di là  dell’aspetto esteriore è all’interno che ci sono le principali e più interessanti novità . Per quanto riguarda il mondo Mac la più gustosa riguarda i processori che, come noto, sono di fatto dei PPC di IBM customizzati, il che fa l’hardware di Microsoft uno stretto parente dei computer di Apple, tanto che Redmond ha usato dei PowerMac come macchine “incubatrici” per i giochi già  in corso di sviluppo.

La Xbox 360 avrà  tre chip, ciascuno dei quali girerà  a 3,2 GHz e avrà  a disposizione una unità  di calcolo vettoriale VMX-128 (tre in totale) e 1 MB di cache di secondo livello.

Poiché la Xbox sarà  rilasciata prima della stagione dei regali di Natale e poiché i processori potrebbero essere dei semplici derivati dai PPC 970, si può con qualche ragione supporre che anche Apple potrebbe essere in grado di avere processori con quel target di velocità  entro fine anno. Nell’esprimere questa valutazione non si deve però neppure escludere che Apple e IBM stiano studiando qualche cosa di diverso per l’hardware Mac, lasciando a Microsoft i PPC 970 di nuova generazione e adottando per i PowerMac i rumoreggiati processori multicore.

Tra gli altri dettagli hardware che possono consentire di farsi un’idea anche sull’evoluzione del mondo informatico, c’è la scheda ATI con clock principale da 500 MHz capace di 500 milioni di triangoli al secondo, 512 MB di Ram GDDR3, bus di memoria da 22,4 GB/sec, HD interno (sostituibile) da 20 GB, masterizzatore DVD dual layer 12X, porta Ethernet, supporto al wireless Wi-Fi (schede non incluse), supporto al video ad alta definizionee (con riduzione automatica della risoluzione quando connessa a schermi tradizionali), visualizzazione a 16:9.

Nessun cenno ai prezzi, che potrebbero però assestarsi, secondo valutazioni attendibili, poco al di sotto dei 500 euro sul mercato europeo.

Il lancio in grande stile avverrà  prima di Natale.

xbox 360