Yahoo! e Google accordo per la pubblicità  online

di |
logomacitynet696wide

Yahoo comunica di avere stipulato con Google che permetterà  di visualizzare inserzioni pubblicitarie della (ex?) concorrente in abbinata ai risultati di ricerche eseguite con Yahoo! generando così per quest’ultima un’ulteriore importante flusso di cassa.

Prima l’acquisizione completa, poi la proposta di rilevare solamente la parte di Yahoo che si occupa delle ricerche online, infine l’annuncio di ieri della chiusura delle trattative con Microsoft. A poche ore di distanza Yahoo annuncia ai propri azionisti e al mondo intero che collaborerà  con Google per la visualizzazione di inserzioni pubblicitarie di quest’ultima all’interno della pagine generate dalla ricerche Yahoo. L’accordo di collaborazione lascia buoni margini di libertà  a Yahoo che potrà  scegliere a quali termini di ricerca abbinare la pubblicità  di Google e su quali pagine visualizzarla.

Jerry Yang, Ceo e cofondatore di Yahoo insieme al presidente della società  Sue Decker sottolineano la flessibilità  dell’accordo stipulato con Google, una collaborazione non esclusiva che permetterà  a Yahoo di stipulare accordi con altre società  inoltre di continuare a vendere e gestire pubblicità  generata con la piattaforma Panama interna. Consistenti i risultati attesi dall’accordo nel medio periodo: dai 250 ai 450 milioni di dollari di flusso cassa solamente per il primo anno, fino a 800 milioni di dollari di ricavi annuali. La durata dell’accordo è prevista in quattro anni con un’opzione per Yahoo di estendere ulteriormente per altri 6 anni.

Le due aziende comunicano che l’accordo non richiede esami e approvazioni particolari da parte delle autorità  USA, in ogni caso Google e Yahoo daranno il via alla collaborazione solamente tra circa tre mesi e mezzo per dare modo al Dipartimento di Giustizia di esaminare l’accordo. Rappresentanti di diverse parti sociali e Microsoft hanno espresso preoccupazione: l’accordo beneficerà  senz’altro Yahoo ma è altrettanto vero che permetterà  a Google di rafforzare la sua posizione predominante nella pubblicità  su Internet.