YouTube, un’iniziativa sull’uso responsabile della Rete

di |
logomacitynet696wide

Iniziativa congiunta della Polizia delle Comunicazioni e di YouTube con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione per sensibilizzare i giovani a un uso responsabile di Internet e dei social network

YouTube e la Polizia delle Comunicazioni, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università  e della Ricerca, hanno annunciato il progetto educativo “Non Perdere la Bussola”, un’iniziativa congiunta di sensibilizzazione e formazione dei giovani tra i 13 e i 18 anni sui temi della sicurezza in Rete e dell’uso responsabile delle community online.

Destinatari dell’iniziativa sono studenti e insegnanti delle Scuole Medie Inferiori e Superiori di tutto il territorio nazionale. Il progetto intende fornire loro strumenti conoscitivi e didattici per garantire una navigazione in Internet consapevole e sicura.

A partire dall’anno scolastico 2009-2010, l’iniziativa prevede l’organizzazione di una serie di workshop formativi gratuiti presso le scuole che ne faranno richiesta, con l’obiettivo di insegnare ai ragazzi che navigano in Rete e frequentano YouTube come sfruttare le potenzialità  comunicative del web e delle community online senza correre rischi connessi alla privacy, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi.

La parte formativa – tenuta da operatori della Polizia delle Comunicazioni – sarà  supportata da un kit didattico fornito da YouTube, composto da una guida pratica di agile consultazione e una serie di video.

I principali argomenti oggetto dei workshop formativi saranno:

– La tutela della privacy
– La netiquette e le norme della community
– I contenuti generati dagli utenti
– Il cyberbullismo
– La tutela del copyright

Le scuole interessate a ospitare il workshop formativo possono trovare tutte le informazioni per inviare la richiesta a questo link oppure scrivendo all’indirizzo mail: [email protected], specificando nell’oggetto il riferimento al progetto “Polizia delle Comunicazioni e YouTube”

[A cura di Mauro Notarianni]