Apple voleva comprare PowerPoint ma fu superata da Microsoft

di |
PowerPont 1.0

Col senno di poi forse sarebbe stato l’affare del secolo. Apple voleva comprare PowerPoint ma gli sviluppatori ricevettero offerte migliori da Microsoft

Apple era interessata ad acquistare PowerPoint, software di presentazione annunciato nel 1987 (concepito e sviluppato inizialmente solo per Mac), commercializzato due mesi più tardi e inizialmente distribuito da Forethought, azienda che all’epoca aveva creato, tra le le altre cose, anche un database noto come “FileMaker Plus”, diventato in seguito FileMaker.

A rivelare il retroscena della mancata acquisizione è Robert Gaskins che all’epoca si occupava dello sviluppo di PowerPoint e svolgeva il ruolo di vice presidente presso Forethought. Al software di presentazione erano interessante anche altre aziende, incluse Borland e Xerox. Microsoft inizialmente voleva offrire 5,3 milioni di dollari oltre ad incentivi per gli sviluppatori che avrebbero potuto (almeno inizialmente) lavorare in remoto.

Una delle primissime versioni di PowerPoint su Mac
Una delle primissime versioni di PowerPoint su Mac

Le trattative andarono per le lunghe e il 25 giugno del 1987 Microsoft offrì 14 milioni di dollari, acquisendo l’intera azienda e trasformandola nella prima “business unit” (divisione indipendente) della multinazionale di Redmond, la prima importante acquisizione di Microsoft che aveva visto nel team in questione un gruppo di “grandi persone” in grado di realizzare “grandi prodotti, “complementare” con la visione aziendale a lungo termine. Tra i benefit ai quali avevano diritto gli sviluppatori di Forethought, l’accesso alle mail, un privilegio raro nel 1987, anche per gli impiegati Microsoft.

Microsoft PowerPoint fu ufficialmente annunciato il 22 maggio del 1990, in concomitanza con il lancio di Windows 3.0. Apple sviluppò in proprio il suo pacchetto di presentazione integrandolo in AppleWorks, rebrand di ClarisWorks, suite da ufficio creata dalla controllata Claris, inclusa con i Mac fino al 2004. Successivamente propose Keynote, applicazione di presentazione mostrata la prima volta nel 2003 e per anni segretamente testata da Steve Jobs in persona.

Gli impiegati della "Graphics Business Unit" di Microsoft nel 1992
Gli impiegati della “Graphics Business Unit” di Microsoft nel 1992
  • IlNonno

    e ora è lo stato dell’arte delle presentazioni

    • 7strings

      😂😂😂😂

      • Gygerch.ch

        Lo stato dell’arte dell’ignoranza. Ma tu sai come usare Powerpoint?

        • 7strings

          Guarda che io ridevo per le c4zzate del nonno

          • Gygerch.ch

            Pardon…ho risposto a te mentre volevo rispondere ai soliti deliri de IlNonno.

        • adesso non incominciare a fargli domande difficili 😱
          Presumo che la tua risposta si rivolta alle [email protected] del Nonno ?

    • Saccente

      AHAHAHAHAHAHAH!!!
      La differenza abissale tra una presentazione PowerPoint e una presentazione Keynote è palese anche ad una talpa! E qui non sto parlando del software, ma delle presentazioni che gli utenti riescono a fare. Tutte le presentazioni fatte con PowerPoint fanno letteralmente schifo, sono orribili. Il motivo? Mancano funzioni a PowerPoint? No, non mancano. A te Nonno la risposta!

      • IlNonno

        Ah fanno schifo? non lo sapevo, allora siamo a posto.

        Ma la cosa importante non era comunque rendere la tecnologia fruibile mettendola bene o male in mano alla gente? Quando apple lo fa grandi festeggiamenti, quando lo fa microsoft andiamo a fare la pulci confrontando con altre soluzioni sconosciute.

        • Saccente

          Fruibile come un interruttore per la luce messo sul soffitto.

          • IlNonno

            prima non avevi nemmeno quello

          • Macuser

            Ma che cacchio dici dall’abisso della tua ignoranza?

            Fatti un ripasso: https: //en. wikipedia. org/wiki/HyperCard
            … e solo la nota insipienza di Sculley permise che il suo sviluppo venisse abbandonato (rallentato oltre ogni sensatezza).

          • IlNonno

            È questa strana cosa era facile da usare e nelle mani di tutti ?

            No perché ,quando Apple rende fruibile una tecnologia comunque disponibile , tutti a festeggiare , se lo fa Microsoft andiamo a cercare tutte le improbabili alternative ?

          • Macuser

            Ma sai leggere? Era ELEMENTARE da usare ed era in bundle con ogni Mac.

            Power Point, come tutti i software di peso da Word ad Excell a RadarCH ecc. nacquero su Mac (con interfaccia grafica quelli che ne avevano “altra”) e poi Microsoft “alcuni” li sottrasse al mondo Mac come appunto fece con Power Point per darlo anni dopo tutt’altro che gratis e tutt’altro che come programma a se stante alle masse irretite e soggiogate dal suo monopolio TRUFFA. Per di più ci sono parti di codice che rendono i documento PP “vietabili” sia su Mac che ai vari Open Office ecc.
            Questo sarebbe “rendere fruibile” … alla Microsoft!

            Ma perché non scompari una volta per tutte tu e le tue fregnacce?
            A volte (oggi è un giorno di quelli) la pazienza sprecata per “soggetti” impertinenti come te è decisamente “perle ai porci” …

          • IlNonno

            ah beh, darlo con ogni mac singifica metterlo nelle mani di tutti!!! negli anni 90 poi!!!

            Non sto parlando di gratis o non gratis ma creare uno standard di fatto, facendo gli accordi che vanno fatti, per rendere fruibile e diffusa una tecnologia.

            La stessa cosa che fa apple quotidianamente (pay, music, sensore d’impronte).
            Se lo fa apple “fa quello che la concorrenza non ha saputo fare”, ” valorizza la tecnologia”
            se lo fanno gli altri “ma esisteva già”, ” non hanno inventato niente”, “ma non sai che esisteva già questo che era meglio”.

            ma siamo su due pesi e due miruse city . com, niente di nuovo.

            xxx

          • Macuser

            Sei il solito idi**a!!!

            Power Point (come Hipercard) sono “creazioni” dei primissimi anni del Mac. Di Power Poin era pronto l’aggiornamento a colori nel ’87 per il primo Mac a colori (il MacII) ma Microsoft acquistò la software house e ci mise 3 anni per portarlo sulla sua piattaforma Windows … tanto sono bravi in quel di Redmond … e poi altri 8 anni per “restituirlo” agli utenti Mac … ovviamente al “caro” prezzo di Office ’98.

            Per fortuna dal 2003 se ne può fare tranquillamente a meno!

          • IlNonno

            non mi interessa la storia dei tempi di garibaldi o quante montagne devi scalare per fare tranquillamente a meno di ciò che il resto del mondo usa.

            Mi interessa che, prima del 95, i pc e i programmi come office erano una cosa per aziende o smanettoni, poi improvvisamente sono entrati nelle case di tutti.

            Una cosa simile è successo nel 2007 con gli smartphone.

            Quando lo fa apple va tutto bene, non andiamo a vedere cosa esisteva prima, cosa in realtà ha inventato, cosa funzionerebbe anche…quando lo fa microsoft spacchiamo il capello in 4.

            Questo perchè microsoft lavora male…ma anche google…ma anche samsung…quindi chi lavora bene al mondo, solo apple?

          • Macuser

            Vieni giù dal pero. Nella casa di tutti un piffero!
            Ancora oggi nel 33% delle case italiane non c’è un computer nemmeno sotto forma di smartphone, e quindi un italiano su 3 dichiara che di internet non sa cosa farsene.
            Ti è chiara la situazione del tuo paese?

            Altrove va meglio, ma di sicuro non è stata Microsoft con Windows 95 a dare una scossa seria all’IT. Ha solo insegnato ad alcuni come comportarsi da ladri per installarsi i programmi dell’ufficio anche nel computer personale “a sbafo”. Poi questi hanno diffuso il malvezzo … e gli effetti si vedono alla distanza sulla mentalità diffusa della progenie di costoro che preferisce Android la cui'”apertura” significa principalmente furto facilitato di App che su iOS costano 90 cent.

            Passo e chiudo, stasera proprio non ti sopporto con quel fare da imbonitore di fiera di periferia della provincia.

          • IlNonno

            nel 95 non è successo nulla, pc in giro se ne vedono pochi….contrariamente a quanto puoi trovare ovunque….il mitico 2007 invece salta sempre invariabilmente al 3 post.

            Apple continua a mettere le mani in tasca della gente, condizionando che pagare è bello, ai tempi della crisi nera del 2016…ma questo è utile ed istruttivo.

          • Biglietto con costi bassi per la Cina che e vicina,se ti sbrighi arrivi presto,vai Nonno vai 🖕

          • La Cina e Vicina e il biglietto costa poco,fai un pensierino dai🤔

          • La Cina e Vicina e il biglietto costa poco,fai un pensierino 🤔

          • la Cina e vicina e il biglietto costa poco,fai un pensierino 😂

    • stato del arte delle Strunzate come le tue affermazioni prive di argomentazioni dimostrabili.

  • Saccente

    Della serie come rovinare un programma. Uno dei tanti.

    • IlNonno

      lo stato dell’arte delle presentazioni ? meno male che è stato rovinato

    • CAIO MARIZ®

      Concordo pienamente, mi ricordo gli insulti a scuola per i malfunzionamenti sia su Windows 95 sia su Windows 98, spesso si chiudeva e perdevi tutto

      • pin-head

        oh, appena 21 anni fa… e che dire della shell del dos? al limite dell’inutilizzabile..

      • IlNonno

        A quei tempi era normale si ma grazie a quello l’informatica è arrivata nelle case di tutti.

    • pin-head

      tu non sai di cosa parli.