iAd, arrivano i primi dettagli

di |
logomacitynet696wide

Grazie ad un resoconto dell’agenzia pubblicitaria americana Hill Holliday iniziano a trapelare ulteriori informazioni su iAd, il network pubblicitario per iPhone e iPod touch (e iPad). Ecco una disamina degli aspetti più interessanti.

Dopo la presentazione ufficiale iniziano ad emergere i primi dettagli di iAd, il network pubblicitario di Apple dedicato ai suoi dispositivi multitouch. Le informazioni sono state divulgate dall’agenzia USA Hill Holliday, che ha recentemente ricevuto una visita da Andy Miller, ex CEO di Quattro Wireless ora confluita in Apple. 

Durante al presentazione è stata nuovamente presentata la dimostrazione della pubblicità di Toy Story; particolarmente apprezzata è la caratteristica che consente all’utente di restare e tornare alla propria applicazione dopo il click sul banner. Si pensi ad esempio a click non voluti: basta un successivo click per chiudere l’ad indesiderato e si torna subito dove ci si trovava prima.

I banner di iAd potranno occupare la testata o il fondo della schermata dell’applicazione; vi potrà essere solo un banner per schermata ed ognuno mostrerà il logo iAd, per distinguerlo dagli altri.
Gli ad assomigliano più a mini applicazioni piuttosto che ai classici messaggi pubblicitari; questo anche grazie al fatto che, essendo iAd integrato nel sistema operativo, può sfruttarne alcune utili caratteristiche, come il GPS, l’accelerometro o la bussola. Per ora i messaggi promozionali saranno sviluppati in HTML5, ma in futuro è previsto il rilascio di un iAd SDK per gli sviluppatori.

Dal punto di vista commerciale i dettagli riferiti si fanno meno chiari, anche per ragioni di segretezza, ancora richiesta dalla Mela ai suoi partner. Ad esempio, il metodo “targhettizzazione” non è ancora stato rivelato, sebbene il portavoce di Hill Holliday lo definisca “impressionante nella sua granularità”. Inoltre il messaggio dato da Apple è il fatto che agli inserzionisti è offerta l’intera utenza di iPhone e iPod touch, non semplicemente l’utenza di una qualunque singola applicazione.

Al lancio, iAd sarà disponibile solo per iPhone e iPod touch; solo in seguito per iPad. Come da tradizione, Apple punterà sulla qualità: saranno accettati quindi solo messaggi pubblicitari dalla notevole componente creativa e di pregevole fattura, escludendo le realizzazioni mediocri. Per questa ragione iAd punterà ad inserzionisti desiderosi di occupare spazi premium, di qualità. 
I prezzi, infine, rispecchieranno questa linea guida; i dettagli sul modello di acquisto con i relativi prezzi restano ancora segreti, ma l’agenzia lo definisce “semplice ed elegante”. 

 

[A cura di Giordano Araldi]