iBook, overclock via software

di |
logomacitynet696wide

Il nuovo processore PPC 750FX degli iBook non solo va più veloce dei precedenti, ma ha anche la possibilità  di controllare il clock attraverso un particolare software. Qualcuno ci ha provato e ci è riuscito. Ecco come

C’è la possibilità  di overcloccare il processore dei nuovi iBook via software? La risposta parrebbe positiva a dare retta ad un resoconto postato sul sito specializzato Xlr8yourMac.
Secondo quanto riferisce un lettore della pagina Web basterebbe installare il Computer Hardware Understanding Development (CHUD), una serie di tool gratuiti e scaricabili da parte di tutti coloro che si registrano alla sezione sviluppatori di Apple e operare su alcuni registri da Mac OS X. Secondo il lettore di Xlr8yourMac usando questa procedura é stato possibile portare un iBook 700 MHz fino ad 800 MHz. Unico problema il reset della velocità  originaria quando si riavvia la macchina.
La notizia viene confermata da alcune informazioni tecniche inerenti il processore rilasciate da IBM che conferma la presenza di due PLL (Phase Locked Loop, circuiti che controllano la velocità  del clock) controllati via software.
Insomma, al contrario di quanto accade con altri processori, per i quali è necessario munirsi di saldatore e di una buona dose di sangue freddo, qui i moltiplicatori di clock sono controllabili con delle semplici istruzioni software.
Questo, in ogni caso, non toglie che una simile operazione è comunque in grado di invalidare la garanzia e, potenzialmente, anche danneggiare irreparabilmente la scheda madre. L’aumento della velocità  di clock, infatti, è sempre correlato ad un aumento della temperatura con le conseguenze immaginabili su tutta la struttura del portatile.