iPhone con 3, calcolate quanto vi costa con Excel

di |
logomacitynet696wide

Approfondiamo l’analisi dei costi dei piani abbonamento e di quelli ricaricabili di H3G, con un confronto che ci aiuti davvero a scegliere il più adatto alle nostre esigenze. Con anche un foglio Excel da scaricare.

Pochi giorni fa abbiamo tempestivamente annunciato qui le nuove tariffe di H3G (3 Italia). Quindi probabilmente già  saprete che l’offerta consiste di tre piani abbonamento ed altrettanti ricaricabili. Ma è proprio così facile scegliere il migliore?

Macity ha pensato di aiutarvi in questa scelta con uno strumento che consideri il costo complessivo del piano durante tutta la durata del suo vincolo e che soprattutto si adegui al vostro profilo di utilizzo del telefono con un documento Excel compatibile con le versioni 2004 e 2008 di Excel per Mac e che non contiene macro.

Vengono presi in considerazione il costo di acquisto dell’iPhone (Upfront), variabile in base al modello (3) ed al piano (6) e il costo mensile per tutto il periodo vincolato. Inoltre, per gli abbonamenti c’è anche la Tassa di Concessione Governativa (TCG) e la relativa promo in caso di Number Portability. Invece per i piani ricaricabili abbiamo considerato il forfait relativo al Traffico Internet che, sebbene opzionale, nessun utente di iPhone vorrà  evitare di sottoscrivere, vista anche la sua indiscutibile convenienza (oltretutto in promo gratis fino a fine anno).

L’utilizzo di questo documento non potrebbe essere più semplice:
1. Si sceglie il modello di iPhone con un click
2. Si imposta la data di decorrenza del piano (abbonamento o ricaricabile) – serve per il calcolo delle promo
3. Si imposta il proprio profilo di consumo (ipotesi minuti voce, SMS, MMS)
Fatto questo si avrà  il “costo totale del periodo” (tutta la durata del vincolo) per ognuno dei piani.

Per i piani ricaricabili è stato indicato anche il “costo totale periodo al netto della carica residua alla fine del periodo”.

Chiariamo meglio il significato di questo dato.

Nel caso di abbonamento, avremo ad esempio un numero di minuti voce inclusi alla settimana che, se non usufruiti completamente, vengono persi all’inizio della settimana successiva.

Nel caso di piani ricaricabili, invece, avremo un vincolo mensile di ricarica che dovremo fare necessariamente, ma non saremo “obbligati” a consumarla tutta nel mese e sarà  ancora disponibile nel mese successivo. Quindi se il nostro profilo di consumo è mediamente più basso della ricarica mensile, ci ritroveremo con una “carica residua” che potremo utilizzare anche dopo la scadenza del vincolo.

Questo è un “piccolo” vantaggio dei piani ricaricabili su cui nessun venditore attirerà  mai la vostra attenzione.

Per scaricare il documento Excel fare click qui

I nostri lettori possono discutere dell’argomento a questa pagina del forum

[A cura di Walter Mandorino]