iPig: come tenere traccia delle spese divertendosi

di |
logomacitynet696wide

Un’applicazione per iPhone e iPod Touch tutta italiana promette di rendere piacevole la più noiosa delle attività: segnare le proprie spese superflue. iPig è disponibile su App Store a 79 centesimi.

Da pochi giorni disponibile sull’AppStore italiano e già  balzata al trentaduesimo posto nella classifica delle applicazioni più vendute per la categoria Produttività , iPig è uno strumento per tenere traccia delle proprie spese. Niente di nuovo, verrebbe da dire, ma non è del tutto vero: qualcosa che rende iPig differente dalle altre utility simili che affollano l’AppStore c’è. Niente tastiera, niente numeri da digitare, niente asettici menu che fanno tanto ragioniere e che dopo un po’ fanno completamente passare la voglia di segnare le spese.

iPig propone un’interfaccia semplicissima, tutta a icone da toccare sullo schermo dell’iPhone. Per gestire l’intero programma è sufficiente toccare l’immagine di una categoria, una moneta o una banconota oppure il maialino salvadanaio che dà  il nome all’applicazione. Certo, chi cerca uno strumento più tecnico, in grado magari di elaborare grafici, tendenze, esportare i dati in diversi formati, si rivolgerà  ad applicazioni più complete. iPig rimane uno strumento a metà  tra l’utile e il dilettevole, che ha il merito di rendere meno noiosa la contabilità  personale.

iPig è proposto su App Store a soli 79 centesimi.

[A cura di Mauro Notarianni]