iPod e Xbox, matrimonio contrastato

di |
logomacitynet696wide

L’€™iPod si collegherà  alla Xbox, ma per farlo Microsoft ha dovuto andare contro la volontà  di Apple che aveva già  detto un ‘€œno’€ secco a Redmond. Contrasti legali all’€™orizzonte?

Apple ha detto no a Microsoft che le chiedeva di aprire ufficialmente iPod all’€™uso sulla Xbox 360. A rivelare il fallimento di una trattativa fino ad oggi ignota è stata la stessa Microsoft in una intervista rilasciata ad alcuni media americani.

Secondo quanto dichiarato da Jeff Henshaw, uno dei manager che sovrintendono al lancio della console, Apple sarebbe stata contattata alcuni mesi fa. ‘€œCi interessava molto la possibilità  d’€™interfacciare iPod con la Xbox, così abbiamo offerto loro – ha detto Henshaw – una collaborazione per far sì che iPod funzionasse nativamente quando fosse stato connesso alla Xbox 360, ma la risposta è stata no’€. In conseguenza di ciò Microsoft è andata per la sua strada, realizzando un supporto meno profondo ma comunque efficiente.

Un iPod collegato ad una delle porte USB della Xbox può essere sfogliato con un programma multimediale che riproduce le canzoni contenute nel player e farle suonare come background dei giochi o vedere le foto.

Microsoft, ad una precisa domanda, in merito non ha fatto sapere se ha svolto un processo di reverse engineering per arrivare a questo risultato. Alcuni sviluppatori ritengono comunque che il compito svolto dalla Xbox non è di facile esecuzione perché la struttura delle directory dell’€™iPod è del tutto particolare e la ricerca delle canzoni avviene attraverso un database che il software della Xbox deve interrogare.

Microsoft potrebbe avere problemi anche per l’€™uso della porta dock, il cui utilizzo è sottoposto da parte di Apple (che l’€™ha inventata) al pagamento di royalties che vengono raccolte con il programma Made for iPod. Redmond nota, in ogni caso, che per connettere il player viene usata una porta USB standard e che l’€™utente usa il cavo USB che acquista per collegare iPod ad altri computer.

In ogni caso Microsoft si è messa al sicuro almeno sotto il profilo dei diritti digitali. Le canzoni protette con FairPlay non suonano su Xbox e appaiono come non attivabili nella lista presentata dal software di Redmond.

Nonostante quest’€™ultima precauzione alcuni osservatori credono che Apple potrebbe prendere provvedimenti contro questa scelta di compatibilità  ‘€œnon richiesta’€ della Xbox. ‘€œPotrebbero lanciare un aggiornamento firmware che disabilita la compatibilità  – ha detto Richard Doherty – entro qualche ora o qualche giorno dal lancio della Xbox’€.

Microsoft da parte sua si augura che questo non accada. ‘€œla gente vuole flessibilità  d’€™uso, sarebbe davvero spiacevole se Apple dovesse proibire alla gente di sentire come preferisce la musica che possiede’€.