iPod flash, i concorrenti ci credono

di |
logomacitynet696wide

Tra chi crede nel prossimo rilascio di un iPod con memoria flash ci sono i concorrenti di Apple. ‘€œStanno facendo ordini di componenti che sono inequivocabili’€, dice Rio.

Tra chi crede che l’€™iPod flash sarà  presto una realtà  ci sono in concorrenti di Apple. Dichiarazioni molto risolutorie in questo senso giungono da RCA, la filiale americana dell’€™europea Thomson, ma soprattutto da Rio che nel mercato dei player basati su memorie allo stato solido ha costituito un significativo caposaldo.

‘€œLa nostra posizione al proposito – dice Dan Torres, vicepresidente con responsabilità  al maketing di Rio – è che Apple sta lavorando ad un iPod basato su memorie flash. Non si tratta di una indiscrezione, ma di un fatto concreto’€.

Torres fonda la sua opinione su quanto sta accadendo in Asia dove, secondo il manager di Rio, Apple avrebbe già  mosso passi decisivi. ‘€œStiamo tenendo d’€™occhio la situazione da tempo’€ dichiara Torres a C/Net a cui ha fatto sapere che Cupertino sul mercato del lontano oriente ha compiuto ordinativi del tutto compatibili con il rilascio di un iPod con memoria flash.

L’€™ingresso di Apple nel segmento viene visto come una opportunità  dai produttori di questo tipo di player che potrebbero crescere di popolarità  proprio per la presenza e il traino del marchio di Cupertino che conferirebbe loro una sorta di ‘€œpatente’€ di prodotti innovativi che oggi non hanno.

Secondo alcuni analisti Apple sarebbe di fatto spinta in questa nicchia che fino ad oggi ha evitato da varie ragioni. La principale è la crescita della capienza delle memorie flash a prezzi economici. Un player da 2/4 MB con questa tecnologia potrebbe presto competere con una basato su HD offrendo dimensioni inferiori e costi di costruzione più bassi. In secondo luogo Apple starebbe guardando ad un iPod flash anche per invadere una nicchia di prezzo economica e che oggi la vede assente. Un iPod flash da 256 o 512 MB potrebbe costare molto meno di uno con HD ed essere venduto incrementando le quote di mercato di Apple senza erodere gli importanti profitti generati dai riproduttori con HD.