iPod, nel trimestre vendite in calo?

di |
logomacitynet696wide

Secondo un analista Apple potrebbe presentare per la prima volta nella storia di iPod vendite in calo. Effetto della saturazione del mercato e della svolta in corso a Cupertino che punta su prodotti che non sono più solo lettori di musica digitale.

Apple potrebbe riportare per la prima volta nella sua storia un calo di vendite di iPod. La convinzione, emersa già  alcune settimane fa, che la spinta propulsiva del player potrebbe essersi esaurita, viene ribadita in un recente resoconto di Gene Munster, uno degli analisti di Piper Jaffray.

Secondo Munster gli iPod venduti saranno tra i 9,7 e i 10,8 milioni; poiché lo scorso anno, durante lo stesso periodo, Apple aveva venduto 10.54 milioni di iPod, solo collocandosi nella fascia più alta la Mela potrebbe battere i risultati precedenti. Più probabilmente, arrivando a 10.1 milioni che è il risultato medio, si registrerà , come accennato, una riduzione dei volumi di vendita.

Munster in precedenza era stato anche più pessimista. Al momento di tracciare una prima sommaria previsione a metà  febbraio usando come riferimento l’andamento di gennaio, aveva previsto vendite inferiori a 10,1 milioni di iPod. Il dato viene ritoccato vesto l’alto in conseguenza del ribasso di costo di iPod shuffle da 1 Gb che potrebbe avere impresso un leggero rialzo alla richiesta. Munster non crede però che, nonostante la “ripresina” continuerà  anche a marzo, si potranno raggiungere gli 11,3 milioni stimati in precedenza.

Ricordiamo che Munster non è il primo osservatore del mercato a prevedere un calo di vendite di iPod ed Apple potrebbe non essere l’unica realtà  che opera i questo business ad accusare una flessione di vendite. Il mercato dei lettori di musica digitale “puri” sembra essere molto vicino (se non avere superato) la saturazione, specialmente nel principale mercato mondiale che sono gli Usa, e ora la sfida è quella di convincere la gente a sostituire i vecchi player con altri nuovi. Da parte sua Apple ha già  cominciato una manovra di sganciamento puntando su dispositivi multifunzione, come iPhone e iPod touch.