iPod sbarca anche in Vietnam

di |
logomacitynet696wide

iPod sta per sbarcare anche in Vietnam. Il paese asiatico si appresta ad accogliere a braccia aperte l’icona della cultura informatica americana. Ma il prezzo non sarà certo per tutti.

L’€™iPod, una delle icone più riconoscibili della cultura tecnologica americana, arriva anche in Vietnam. Il paese asiatico che da qualche anno ha attuato un cauto processo di apertura all’€™occidente e ad alcuni aspetti dell’€™economia di mercato, ha scelto, come riporta il Vietnam Economy Times il prodotto di Apple per lanciare sul suo mercato la nuova onda della musica digitale.

Apple, che sta cercando di imporsi sul potenzialmente molto interessante mercato digitale vietnamita, inizierà  a vendere già  da questa settimana praticamente tutti i modelli di iPod disponibili in due punti vendita principali: Ben Company, ad Hanoi e Digital World ad Ho chi Minh City. In breve però i player dovrebbero essere disponibili in tutto il Vietnam.

Il target sono i giovani abitanti di un paese he ha grande passione per la musica, come dimostrano le centinaia di Karaoke bar che segnano le città , piccole e grandi. Anche gli studenti, in gran parte appassionati di musica pop, potrebbero avere interesse per iPod. Thakral Brothers, importatori esclusivi di Apple in Vietnam, stanno anche trattando con i produttori di vetture del paese per studiare soluzioni ad hoc.

Purtroppo per i vietnamiti, però, l’€™iPod non sarà  di certo alla portata di tutti. In seguito alle tasse d’€™importazione (il 50% del costo del prodotto) l’€™iPod shuffle da 512 MB costa 155$, l’€™iPod photo da 60 GB addirittura 840$, un terzo dello stipendio annuo di un cittadino medio (che è di 2500$), in pratica come se fosse offerto in Italia (dove il reddito medio annuo pro capite è di circa 27.000$) a 9000$, circa 20 volte il costo reale.

La speranza di Thakral Brothers è di vedere presto ridotto questo costo grazie alla riclassificazione di iPod come dispositivo per l’€™archiviazione. In questo caso le tasse sarebbero ridotte al 5%, aprendo l’€™acquisto ad una fetta di pubblico più ampia.