iTunes Music Store giapponese ad agosto

di |
logomacitynet696wide

L’iTunes Music Store Giapponese aprirà ad agosto. Ampio catalogo e prezzi calmierati per il secondo mercato musicale del mondo.

Il lancio dell’€™iTunes Music Store giapponese, l’€™ultimo grande negozio on line (con quello Australiano) che ancora manca alla ‘€œcollezione’€ di Apple, sarà  lanciato ad agosto. L’€™anticipazione arriva dal giornale nipponico Nihon Keizai Shimbun che cita alcune delle principali case discografiche locali.

Il servizio avrà  le caratteristiche che l’€™hanno reso famoso e apprezzato in tutti i paesi del mondo: facilità  d’€™uso abbinata ad economicità , un fattore che si traduce in un prezzo unico d’€™acquisto per le canzoni che, sempre secondo il giornale, costeranno tra i 100 e i 200 Yen, il corrispettivo di un euro o 1,5 euro.

Se le indiscrezioni pubblicate dal Nihon Keizai Shimbun saranno confermate dai fatti, per il mercato giapponese sarebbe una vera e propria rivoluzione. Al momento sono pochi i servizi di vendita di musica on line e quei pochi hanno prezzi differenziati a seconda delle canzoni oltre che costi molto alti, in alcuni casi pari a circa 300 Yen (ovvero 3 euro) cadauna. Il più economico è il servizio di Mora, controllato da Sony, le cui canzoni costano 210 Yen, ma a fronte di un catalogo di 200.000 brani.

iTunes Music Store Japan sarà  molto più vasto in termini di scelta, tra i 500.000 e il milione di canzoni.

Apple, in ogni caso, prima di aprire le porte del suo negozio dovrà  superare ancora qualche difficoltà , tra queste convincere Sony che, al contrario di altre grandi case discografiche (Columbia Music ed Avex) al momento non ha ancora un accordo con Cupertino. E’€™ facile prevedere che il colosso giapponese sarà  un osso durissimo, considerando il fatto che, come accennato, controlla direttamente un negozio concorrente, per non dire del fatto che i Walkman digitali sono gli avversari più temibili di iPod. E l’€™apertura di un negozio Apple con le caratteristiche appena citate altro non farà  che incrementare la penetrazione, già  molto alta, di iPod sul mercato giapponese.