In Apple un super team di esperti Dolby, Oculus e HoloLens per la Realtà Aumentata

di |

Prima arriverà su iPhone e poi con occhiali dedicati: per la realtà aumentata Apple ha ingaggiato un team di esperti provenienti da Dolby, Oculus, HoloLens e anche dagli effetti speciali di Hollywood

Le numerose dichiarazioni di Tim Cook sulla realtà aumentata si trasformeranno in prodotti e servizi Apple: prima arriverà su iPhone e successivamente anche in speciali occhiali dedicati. Non solo: per creare prodotti ed esperienze utente superiori Cupertino ha creato un super team di esperti provenienti da diversi settori.

A fare un po’ di luce sui piani di Apple per la realtà aumentata (siglata AR) e sul team dedicato è un report di Bloomberg firmato da Mark Gurman, storico conoscitore della Mela e dotato di ottimi agganci diretti nel Campus di Cupertino. La squadra di Apple per le novità AR è capitanata da Mike Rockwell, esperto che in precedenza dirigeva la divisione hardware e nuove tecnologie di Dolby. Per le sue mansioni Rockwell risponde direttamente a Dan Riccio, senior vice president hardware engineering di Apple.


Ma del team Apple AR fanno parte anche esperti provenienti da società più o meno concorrenti con Cupertino, tra cui Yury Petrov ex Facebook della divisione Oculus e Avi Bar-Zeev che in precedenza ha lavorato per Google Earth e in HoloLens di Microsoft. Tra i nomi di spicco sono citati anche Cody White, uno degli ingegneri a capo del motore per videogiochi Lumberyard di Amazon, Duncan McRoberts, ex responsabile sviluppo software di Meta, società che produce occhiali AR di fascia alta. L’alto profilo del team AR di Apple è completato anche da dirigenti di Cupertino che hanno svolto ruoli chiave in altre divisioni, tra questi Fletcher Rothkopf, ex responsabile del team del primo Apple Watch, e Tomlinson Holman che ha creato lo standard audio THX reso famoso da LucasFilm.

Oltre a veterani nel campo ed esperti di hardware e software, Apple sembra abbia assunto anche professionisti degli effetti speciali 3D di Hollywood, in particolare sembra che Cupertino abbia aperto un ufficio a Wellington in Nuova Zelanda per attrarre diversi dipendenti di Weta Digital, società divenuta famosa nel mondo per gli effetti speciali realizzati per produzioni cinematografiche di primo piano come Avatar, Il Signore degli Anelli, King Kong e altri ancora.

Secondo le fonti di Bloomberg Apple conterebbe ormai su diverse centinaia di ingegneri dedicati al progetto Realtà Aumentata, inclusi esperti di sensori, fotocamere e hardware che in precedenza hanno lavorato su iPhone e iPad, che si occuperanno di individuare componenti, processori e produzione. Anche secondo questa anticipazione è molto probabile che applicazioni e servizi AR faranno il loro debutto in iPhone 8, anche se la certezza assoluta è impossibile, mentre gli occhiali AR Made in Cupertino sembra saranno rilasciati solo successivamente: ricordiamo che invece voci precedenti li indicavano in arrivo forse già entro quest’anno.

mappe apple realtà aumentata