Tribunale norvegese impone ad accusato di sbloccare l’iPhone con Touch ID

di |
sblocco

Un uomo dovrà obbligatoriamente sbloccare il suo iPhone protetto con il Touch ID, il sensore di impronte digitali che consente di bloccare l’accesso al sistema. Secondo la polizia norvegese nello smartphone confiscato potrebbero esserci prove di come ha ottenuto sostanze illegali.

Touch IDLa polizia norvegese vuole obbligare un 27enne accusato di possesso di droga a sbloccare il suo iPhone protetto con il Touch ID, il sensore di impronte digitali che consente di aprire l’accesso al sistema. Secondo la polizia, nello smartphone confiscato potrebbero esserci prove di come l’uomo ha ottenuto le sostanze illegali.

La disposizione del tribunale arriva sulla scorta di alcuni fatti. In particolare l’accusato, che avrebbe ammesso la sua colpevolezza, ha rifiutato di sbloccare il telefono che gli era stato sequestrato dalle forze dell’ordine le quali ritengono che il dispositivo custodirebbe ulteriori prove. Il “no” dell’imputato, impedirerebbe di proseguire le indagini, il che non viene ritenuto accettabile dal tribunale Distrettuale del Nordhordland che, quindi, ha concesso alla polizia l’autorità per obbligare l’uomo ad apporre il pollice sul dispositivo così che gli inquirenti potranno analizzare il registro delle chiamate e altri dati.

In un caso simile del quale si è discusso in Virginia (USA), il giudice Steven C. Frucci ha stabilito che “dare accesso alle impronte digitali alla polizia è qualcosa di simile a fornire il DNA, campioni calligrafici o una chiave reale”, possibilità autorizzate dalle leggi federali.

Lo Stato di New York ha allo studio un disegno di legge con il quale, per motivi di ordine pubblico, potrebbe prevedere sanzioni o impedire la vendita smartphone che non è possibile sbloccare. Il disegno di legge prevede l’obbligo per i produttori di integrare meccanismi che permettano su richiesta delle forze dell’ordine di sbloccare e decifrare i dispositivi. È solo l’ultima di tante discussioni in materia che negli Stati Uniti da tempo vedono difensori della privacy ed esperti di sicurezza schierati da una parte, e forze dell’ordine e vari politici dall’altra.

Non è chiaro se le forze dell’ordine norvegesi siano al corrente che, oltre al Touch ID è sarà probabilmente necessario indicare il codice di sblocco del telefono. La sequenza numerica o alfanumerica,  infatti, è richiesta quando il dispositivo è stato spento e riavviato, se l’impronta digitale non viene riconosciuta per cinque volte consecutive e quando non si è sbloccato il dispositivo per più di 48 ore.

  • Saccente

    Grande Apple!

    • Daniele

      Sarebbe curioso conoscere il tuo pensiero nel caso il tizio in questione avesse venduto la roba a tuo fratello e magari tuo fratello con quella roba ci fosse rimasto secco…come e’ facile fare i fr0c1 col cu7o degli altri

    • Daniele

      Sarebbe curioso conoscere il tuo pensiero nel caso il tizio in questione avesse venduto la roba a tuo fratello e magari tuo fratello con quella roba ci fosse rimasto secco…come e’ facile fare i fr0c1 col cu7o degli altri

    • Daniele

      Sarebbe curioso conoscere il tuo pensiero nel caso il tizio in questione avesse venduto la roba a tuo fratello e magari tuo fratello con quella roba ci fosse rimasto secco…come e’ facile fare i fr0c1 col cu7o degli altri

    • Daniele

      Sarebbe curioso conoscere il tuo pensiero nel caso il tizio in questione avesse venduto la roba a tuo fratello e magari tuo fratello con quella roba ci fosse rimasto secco…come e’ facile fare i fr0c1 col cu7o degli altri

    • Daniele

      Sarebbe curioso conoscere il tuo pensiero nel caso il tizio in questione avesse venduto la roba a tuo fratello e magari tuo fratello con quella roba ci fosse rimasto secco…come e’ facile fare i fr0c1 col cu7o degli altri

  • Alberto

    In Thailandia gli avrebbero già mozzato la falange.
    Proprio nei giorni scorsi un veneziano in vacanza con moglie ed amici in quel bel paesotto hanno fatto passare una settimana in galera per 2 pastiglie di Xanax,noto calmante in Italia ed Europa ma li considerato droga

  • Alberto

    Ok Mauro,lo immaginavo ma non ero certo

  • mattewre

    Come dice l’articolo, è ben probabile che siano passate 48ore e il TouchID non sia più utilizzabile…

  • Nemo tenetur se detergere.
    *
    Fa piacere scoprire che in Norvegia la barbarie continui a vivere tranquilla senza che la civiltà li raggiunga.

  • bravodillo

    Giusto. Il device è come un cassetto chiuso a chiave, una cassaforte… dietro mandato il reo dove aprirlo.

    • hany

      mi sa che hai un concetto di giustizia molto vago…

      io sono l’unico depositario del diritto di agire con il mio pollice, il mio pollice è connesso al mio cervello, è mio, il mio pollice farà quello che dico io fino all’ultimo respiro, te lo garantisco. Esiste un limite: la mia pelle. Esso è un confine invalicabile. Da una parte ci siete voi, dall’altra ci sono io. Nel mio io comando solo io. Io mi rifiuterei di eseguire quell'”ordine”, a qualsiasi prezzo.

      • Daniele

        Mi sa che il concetto vago di giustizia lo hai tu.

        Secondo l’articolo 349cpp la polizia giudiziaria, qualora ci siano i presupposti, può procedere all’accompagnamento e all’identificazione coatta di una persona…il che significa che il tuo pollicione sul foglio per farti prendere le impronte ce lo appoggi…sia che lo vuoi sia che non lo vuoi. Se lo vuoi fai prima e probabilmente non ti fai male…ma alla fine il risultato non cambia. Le tue impronte e la tua fotosegnaletica la PG cmq la otterra’

      • Daniele

        Mi sa che il concetto vago di giustizia lo hai tu.

        Secondo l’articolo 349cpp la polizia giudiziaria, qualora ci siano i presupposti, può procedere all’accompagnamento e all’identificazione coatta di una persona…il che significa che il tuo pollicione sul foglio per farti prendere le impronte ce lo appoggi…sia che lo vuoi sia che non lo vuoi. Se lo vuoi fai prima e probabilmente non ti fai male…ma alla fine il risultato non cambia. Le tue impronte e la tua fotosegnaletica la PG cmq la otterra’

      • Daniele

        Mi sa che il concetto vago di giustizia lo hai tu.

        Secondo l’articolo 349cpp la polizia giudiziaria, qualora ci siano i presupposti, può procedere all’accompagnamento e all’identificazione coatta di una persona…il che significa che il tuo pollicione sul foglio per farti prendere le impronte ce lo appoggi…sia che lo vuoi sia che non lo vuoi. Se lo vuoi fai prima e probabilmente non ti fai male…ma alla fine il risultato non cambia. Le tue impronte e la tua fotosegnaletica la PG cmq la otterra’

      • Daniele

        Mi sa che il concetto vago di giustizia lo hai tu.

        Secondo l’articolo 349cpp la polizia giudiziaria, qualora ci siano i presupposti, può procedere all’accompagnamento e all’identificazione coatta di una persona…il che significa che il tuo pollicione sul foglio per farti prendere le impronte ce lo appoggi…sia che lo vuoi sia che non lo vuoi. Se lo vuoi fai prima e probabilmente non ti fai male…ma alla fine il risultato non cambia. Le tue impronte e la tua fotosegnaletica la PG cmq la otterra’

      • Daniele

        Mi sa che il concetto vago di giustizia lo hai tu.

        Secondo l’articolo 349cpp la polizia giudiziaria, qualora ci siano i presupposti, può procedere all’accompagnamento e all’identificazione coatta di una persona…il che significa che il tuo pollicione sul foglio per farti prendere le impronte ce lo appoggi…sia che lo vuoi sia che non lo vuoi. Se lo vuoi fai prima e probabilmente non ti fai male…ma alla fine il risultato non cambia. Le tue impronte e la tua fotosegnaletica la PG cmq la otterra’

  • bravodillo

    Giusto. Il device è come un cassetto chiuso a chiave, una cassaforte… dietro mandato il reo dove aprirlo.