Racensione action cam Daping: economica, una miride di accessori e qualche compromesso

di |

Macitynet testa l’action cam Daping 4K; una camera low cost, con una infinita di accessori e doppia batteria. Ecco pro e contro.

Con l’avvicinarsi della bella stagione le action cam sembrano sorgere a nuova vita; non è ancora tempo di bagni al mare o in spiaggia, ma qualche escursione nel fine settimana è certamente occasione da filmare. Tra i modelli più economici quella Damping, che arriva a casa con un corredo praticamente infinito di accessori, con tanto di doppia batteria. Low cost, però, equivale a compromessi; ecco come funziona.

Come è fatta

Anzitutto, l’estetica. Prendendo in mano l’action cam Daping non ci si accorge della differenza con le mille altre periferiche dello stesso tipo. Simile in tutto e per tutto ad una qualsiasi SJ, o simili, presenta un tato accensione sulla parte frontale, che permette di selezionare anche le varie funzioni, tra video, foto e slow motion, con un tasto selezione posto invece sulla parte superiore, che funge da pulsante di scatto.

action cam daping

Sulla parte posteriore il display da 2 pollici, non touch screen, comunque di buona fattura, sufficiente per poter visionare in tempo reale ciò che si inquadra. Sul lato destro due pulsanti, che oltre a permettere i navigare tra i menù, consentono di regolare lo zoom, fino a 4X, o anche di attivare/disattivare il WiFi. Completamente nera, in plastica opaca sul davanti, l’action cam Daping risulta apprezzabile ed elegante.

Tra i “pro”, sicuramente, c’è da apprezzare il contenuto della confezione di vendita, contenente un numero pressoché infinito di accessori. Non solo sono presenti numerosi supporti per adattare la periferica a caschi, cruscotti e manubri di biciclette, ma la confezione include anche una seconda batteria, elemento da non sottovalutare, che raddoppia le possibilità di filmare. Ovviamente, presente anche l’indispensabile custodia waterproof, che consente di immergere la cam in acqua, e fare riprese fino a 30 metri di profondità. Giusto per completezza, oltre a fascette e panni per la pulizia, il bundle include un secondo coperchio per la cover waterproof, nel caso in cui con il tempo si rendesse necessaria la sostituzione. Solo questa dotazione, quasi quasi, basterebbe a giustificare il prezzo di vendita, di poco superiore a 55 euro.

Qualità foto/video

L’action cam Daping opta per un sensore SONY CMOS da 16MP e permette di registrare alle seguenti risoluzioni: 4K o 2,7K a 30 fps, 1080p a 30 o 60 fps, 720p a 30, 60 o 120 fps, utile soprattutto per effettuare riprese in slow motion. Di seguito alcuni brevi video in cui mostriamo la qualità nuda e cruda della camera, senza alcun processo di post produzione.

TEST 4K

Poco da dire, ovviamente, sul 4K. Pensare di poter ottenere qualità a questa risoluzione con una camera low cost è semplicemente impossibile. Il filmato non è certamente da buttare, ma non si può tacere sulla presenza di lag, dovuta ad un frame per secondo basso. chi volesse una camera in grado di riprendere a 4K con ottima qualità, dovrà sicuramente fare riferimento ad altre tipologie di periferiche molto più costose. E’ verosimile pensare che chi acquista una camera low cost voglia comunque sfruttarla  per riprese Full HD. E’ su questo formato e su questa risoluzione, allora, che occorre concentrare l’attenzione.

TEST 1080p – 60 FPS

La qualità è sufficiente, dove l’elevato numero di frame per secondo rende la ripresa molto fluida e limpida. I colori catturati dalla camera non sono male, molto vivaci. Dove perde sicuramente è nella chiarezza dei contorni dei soggetti, sia vicini che lontani, con un dettaglio non troppo elevato. Soffre particolarmente le riprese contro luce, mentre risulta sufficiente in condizioni di ripresa ottimale. Altro neo è la mancanza di stabilizzatore video: basta filmare mentre si passeggia per accorgersi di tutti i micro-movimenti assorbiti dalla camera, che vengono puntualmente catapultati all’interno del filmato.

TEST SLOW MOTION

Per quanto riguarda l’uso fotografico, si comporta in maniera analoga ad altre cam simili: tende ad enfatizzare i riflessi violacei, ma nel complesso le immagini immortalate con la cam risultano apprezzabili, soprattutto per la fascia di prezzo in cui si situa. Di seguito una piccola galleria che meglio rende l’idea.

Altre caratteristiche

La camera Daping in prova è dotata di modulo WiFi, che permette di controllarla direttamente dal proprio smartphone iOS/Android. A differenza di quanto accade con gli applicativi cinesi del genere, l’App XDV è veramente ben fatta, con una interfaccia grafica moderna. Al centro del display, in bella vista, le tre icone che permettono di attivare le tre principali funzioni della camera: scatto, video e slowmotion. E’ possibile da qui impostare diversi parametri, come la risoluzione ed in generale qualsiasi altra opzione che si può gestire anche sulla camera. L’app per Android si scarica da qui, mentre la controparte iOS a questo indirizzo; entrambe gratis.

L’action cam Daping offre la modalità alla guida, che risulta probabilmente uno degli utilizzi più consigliabili per chi acquista una periferica economica. In questi frangenti, infatti, non interessa certamente la qualità del filmato, quanto riprendere esattamente cosa accade sulla strada, così da essere pronti a dimostrare di aver ragione in un eventuale incidente.

Conclusioni

L’action cam Daping non eccelle certamente per qualità; si tratta di una considerazione ovvia, considerando il prezzo di acquisto davvero basso, che in gran parte viene coperto dal numero “infinito” di accessori presenti, senza contare la doppia batteria. Insomma, una periferica per le riprese “della domenica”, ma anche da utilizzare in auto per la propria sicurezza.

Costa 55,99 euro e si acquista direttamente da qui.

PRO

  • esteticamente piacevole
  • una marea di accessori
  • doppia batteria
  • qualità foto discreta
  • modalità guida

CONTRO

  • video non stabilizzati
  • qualità video non eccellente