Tempi duri per Samsung nei risultati preliminari, ora tutti gli occhi puntano a Cupertino

di |
samsung logo

I risultati preliminari Samsung svelano un miglioramento ma rimangono inferiori alle previsioni degli analisti. Si prevede un 2016 difficile con calo della domanda di smartphone e prezzi al ribasso per la tecnologia, fattori che secondo alcuni potrebbero colpire persino Apple

Sono finalmente arrivati i risultati preliminari Samsung attesi con interesse crescente in questi giorni, dopo l’avviso di un 2016 difficile formulato dal Ceo della società nel messaggio di auguri ai dipendenti per l’inizio del nuovo anno. In sostanza Samsung ha generato profitti di 5,1 milioni di dollari su un fatturato di 44 miliardi di dollari, numeri che rappresentano uno scenario agrodolce.

Si tratta di un miglioramento dei profitti del 15% rispetto al disastroso 2014, annus horribilis per il business degli smartphone Samsung con un dimezzamento dei profitti che ha richiesto interventi straordinari, tra cui una revisione completa della strategia, del mix dei prodotti e anche di buona parte dei dirigenti della divisione mobile e non solo. Quindi i preliminari per l’ultimo trimestre 2015 indicano un miglioramento rispetto al periodo peggiore di Samsung, ma allo stesso tempo indicano anche un calo del 7,5% sempre nei profitti rispetto al penultimo trimestre 2015. Occorre anche rilevare che i risultati preliminari risultano anche se di poco, inferiori alle previsioni degli analisti, ma questo non è il problema principale.

risultati preliminari Samsung samsung logo
Per alcuni Samsung è in fase di recupero, mentre per altri non è ancora fuori pericolo: questa volta lo scenario in corso sembra meglio descritto dai co-Ceo della società che nella lettera ai dipendenti già citata, avvisano di un 2016 difficile, complesso sotto più punti di vista, gli stessi indicati anche da alcuni analisti. Vale a dire un previsto calo nella domanda di smartphone rispetto alle crescite spettacolari vissute fino a oggi, l’aumento della competizione e dei prodotti a basso prezzo dalla Cina, non solo quelli di società sconosciute, ma anche di colossi come Huawei e startup aggressive e innovative come Xiaomi. Infine per Samsung, che aveva puntato molto sulla vendita e fornitura di componenti per compensare il calo dei profitti della divisione mobile, un mercato caratterizzato da domanda e prezzi in calo.

Escludendo il settore componenti, in cui Cupertino è presente solo come grande acquirente, la situazione dei mercati principali e dell’economia globale e soprattutto il previsto (ma non ancora confermato) calo della domanda di smartphone possono colpire allo stesso modo Apple. Le continue e insistenti voci sui presunti tagli di ordinativi di componenti per iPhone emergono in uno scenario di preoccupazione generale, in cui si prospettano numeri di vendita per la Mela non all’altezza del 2015 ma anche, e forse soprattutto, pesanti ripercussioni sui bilanci di Cupertino dovuti a un rallentamento dell’economia cinese. A tutto ciò contribuisce non poco la serie di tonfi delle borse in Cina e asiatiche di questi giorni, con effetti a catena globali sulle borse di tutto il mondo.

Per tutte queste ragioni, quest’anno più che mai, dopo i risultati preliminari Samsung l’attenzione del mondo della tecnologia e delle finanza punta alla fine di gennaio, per conoscere i numeri esatti dell’ultimo trimestre del 2015 sia di Samsung ma anche di Apple. Cupertino presenterà i risultati fiscali degli ultimi mesi del 2015, per Apple primo trimestre 2016, martedì 26 gennaio

  • Imatio

    “…Si prevede un 2016 difficile con calo della domanda di smartphone…”

    …ma davvero? Chi l’avrebbe mai detto!! Eppure non mi sembra che ci voglia un genio per capire che prima o poi il trend di vendita sarebbe rallentato, aiutato anche dalla difficile congiuntura economica mondiale.

    E’ altresì ovvio che anche Apple prima o poi subirà la stessa sorte, ma il fattore che nessuno degli analisti sembra tenere in considerazione è la marginalità che Cupertino ha sui propri prodotti.

    Samsung invece, essendosi prevalentemente votata alla fascia bassa del mercato, dovrà sudare sangue nei prossimi anni per cercare di rimanere a galla…

    • paolo russo

      Concordo (se il tuo giudizio sulle difficoltà di Samsung di rimanere a galla è circoscritto agli smartphone). Va aggiunto che sia Apple che Samsung sono giganti tutt’altro che mono-prodotto. Apple si è messa in moto da qualche anno per assorbire il prevedibile rallentamento nella crescita dovuto all’approssimarsi della saturazione del mercato degli smartphone: accordo con IBM, Apple Watch e qualunque cosa stiano macchinando nel settore delle auto sono tre esempi. Probabilmente hanno anche altro in pentola. Samsung ha giocato molto male la partita nel segmento smartphone, ma ha tutte le risorse per riprendersi. A patto che si riesca a capire cosa vogliono fare da grandi. Finora mi sono sembrati molto dispersivi nel settore smartphone.

      • Imatio

        …certo che parlavo degli smartphone, anche se bisogna dire che gli altri settori merceologici soffriranno ugualmente della stessa flessione a causa dell’avanzare dei colossi cinesi.
        Samsung ha perso l’occasione di crearsi un’immagine premium quando si è concentrata nel denigrare gli altri più che a far emergere i tratti distintivi dei propri prodotti.
        Ovvio che anche la pletora di prodotti sfornati a piè sospinto abbis creato i suoi bei danni d’immagine, resto però dell’idea che abbiano completamente sbagliato la strategia marketing.
        Fossilizzarsi poi sulla piattaforma Android inoltre è stato il loro errore capitale…

        • Gaznevada

          Si penso anch’io le stesse cose , inoltre interessante l’ultima tua frase da tempo mi chiedo perché non abbiano avuto il coraggio di continuare sulla strada di Tizen (o altro) non a caso sugli smartwacht non montano Android bastava continuare lo sviluppo e implementare le app , le capacità e la forza finanziaria le avevano e le hanno , purtroppo hanno preferito una strada più comoda o forse più remunerativa nell’immediato .

          • Imatio

            …gli è mancato il coraggio di cimentarsi in qualcosa d’innovativo e diverso.
            Generalmente è proprio questo uno dei difetti propri di chi è abituato a copiare…

      • Gaznevada

        Faccio sempre fatica a ricordarmi che si denigrano risultati di questo tipo (a parte come detto il settore smartphone) purtroppo quello che conta è non aver superato le previsioni degli analisti o le aspettative degli investitori che vogliono sempre di più .

  • IlNonno

    una buona ridimensionata fa bene a tutti.

    In un’economia crisis oriented, è sempre un bene quando le aziende lottano a suon di sconti per corteggiare i clienti, tutto viene ottimizzato, anche dal punto di vista ecologico è un gran risparmio di risorse.