Home Macity Internet 1-click, la spesa più veloce della luce

1-click, la spesa più veloce della luce

a notizia è di ieri e Macity ne ha già  parlato in un altro articolo, ma l’annuncio dell’acquisto in licenza da Amazon della tecnologia 1-click continua a suscitare interesse anche per la sua adozione che è avvenuta, “universalmente” e quindi anche sul sito italiano, proprio ieri. In particolare come funziona 1-click e quali saranno i cambiamenti che apporterà  all’esperienza di shopping su Apple Store?
Chi conosce il sito di Amazon (di cui, forse non a caso, Diego Piacentini ex responsabile di Apple Europa è uno dei dirigenti principali) sa bene quale livello di personalizzazione sia in grado di raggiungere. Una volta inseriti, a richiesta, i propri dati il sito li archivia su un proprio server sicuro dove risiedono in maniera permanente e dal quale vengono richiamati all’atto della connessione dell’utente da un cookie. In questo modo la prima pagina “saluta” con nome e cognome il navigatore. Ma questo è solo un aspetto “folkoloristico”, uno dei risvolti più importanti è che il server conosce di fatto l’intera storia di acquisti e perfino delle ricerche attuate dall’utente, in questo modo è in grado di proporre una prima pagina interamente customizzata con prodotti che, presumibilmente, possono essere di qualche interesse. AppleStore, ad esempio, potrebbe proporre ad un utente che ha fatto ricerche per un masterizzatore una prima pagina che annuncia il rilascio di un nuovo modello o per chi ha chiesto notizie sulla beta l’arrivo della version definitiva.
Anche al momento dell’acquisto 1-click è in grado di venire in aiuto al cliente e al rivenditore. Una volta registrato tutti il cliente non ha necessità  di digitare alcun dato, a compilare i moduli ci pensa OneClick, basterà  scrivere la propria password. Anche il numero di carta di credito compare (schermato) nelle informazioni per la spedizione.
“Grazie a 1-click – afferma Steve Jobs – possiamo offrire ai nostri utenti un’esperienza di vendita più semplice e rapida” “Speriamo che 1-click – ha aggiunto Mitch Mandich, responsabile delle vendite a livello mondiale – ci aiuti ad incrementare il nostro fatturato su Internet”
Nei mesi scorsi 1-click era stato al centro di alcune polemiche per il tentativo da parte di alcuni concorrenti di Amazon di copiarne alcune funzionalità . Uno di essi, Barnes&Noble (B&N), forse il maggior libraio americano con negozi in ogni grande centro commerciale USA, era stato querelato da Amazon che sosteneva che alcune delle tecnologie usate sullo store on line di B&N fossero state illegali perchè identiche a quelle di 1-click. “Apple avrebbe potuto fare lo stesso – ha detto Mandich – ci saremmo potuti aggiustare da soli e fare qualche cosa di simile, ma abbiamo deciso di essere responsabili”

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,809FollowerSegui