Apple modifica la licenza APSL

La “Apple Pubblic Source License” è stata aggiornata. Con la versione 1.2 sono stati rimossi moltissimi (se non tutti) dei requisiti che di fatto erano costrizioni nei confronti della comunità Open Source.

Apple ha modificato la ‘Apple Pubblic Source License” aggiornandola alla versione 1.2 e rimuovendo tutte le costrizioni che erano stato oggetto di critica da parte della comunità  Open Source.
Non è più necessario, ad esempio, distribuire modifiche fatte per uso personale, non c’è più bisogno di notificare ad Apple proprie modifiche in fase di distribuzione (sezioni 1.4 e 1.8) e tutte le clausole sono molto più chiare e semplici per entrambi le parti.
L’annuncio è molto importante ed è un ulteriore protezione nei confronti di tutte le comunità  e i progetti che si stanno evolvendo intorno al progetto Darwin e altri progetti “Open Source” di Apple.

Ricordiamo che con la realizzazione di Darwin in base alla licenza APSL, Apple è il primo fornitore di sistemi operativi a rendere disponibile il proprio codice sorgente al pubblico e a basare la propria strategia di software di sistema sulle tecnologie Open Source.
Con il lancio di Darwin Streaming Server fornitori di contenuto, sviluppatori e aziende di server possono realizzare streaming server RTP e RSTP per qualsiasi piattaforma, senza la necessità  di prendere in licenza costosi software proprietari.

[A cura di Newton ]