fbpx
Home News Due Nobel contro Microsoft

Due Nobel contro Microsoft

L’accordo tra Microsoft e Dipartimento di Giustizia è al centro di un numero crescente di critiche e contestazioni di larghi settori dell’economia e del mondo industriale. Nel corso degli ultimi giorni molti di questi oppositori, che in precedenza non erano noti, sono divenuti pubblici dopo la presentazione dei documenti alla corte di giustizia che dovrà  valutare la portata della mediazione.
I media americani hanno così scoperto che a contestare l’accordo ci sono personaggi eminenti e tra questi persino due premi Nobel. Si tratta di Joseph Stiglitz e Kenneth Arrow, rispettivamente docente di economia alla Columbia University Business School e alla Stanford University.
Stiglitz, che ha vinto il Nobel lo scorso anno, nei documenti presentati al giudice sottolinea che l’accordo è di fatto “una ratificazione della condotta di Microsoft e soffre della mancanza di strumenti che possano impedire alla società  di godere dei frutti del proprio monopolio per un significativo e potenzialmente infinito periodo di tempo”
Stiglitz e Arrow sono solo due dei firmatari di un numero altissimo di memoriali contro l’accordo inclusi semplici cittadini ma anche gruppi di oppositori.
Tra questi si segnala Dan Kegel, uno sviluppatore software di Los Angeles che ha raccolto in calce ad una lettera pubblicata sul suo sito ben 2.400 adesioni, tra cui figura anche Jeremy White di WineProject-Lindows e i quali si può associare, per affinità  perfino Ralph Nader, già  candidato indipendente alla presidenza USA.
Kegel scrive che “i rimedi finora applicati sono stati inefficaci a fermare l’anticompetitività  che Microsoft si è creata attorno” e conclude speranzoso “la nostra petizione sarà  letta e non potrà  che essere vincente e convincere i giudici che abbiamo ragione”.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 765,99 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Articolo precedenteISTAT, sempre un passo indietro.
Articolo successivoAddio alla GeForce3
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,834FansMi piace
93,217FollowerSegui