G4 da 800 MHz a San Francisco?

Motorola avrebbe già iniziato a consegnare processori V’Gear da ad Apple e Cupertino si appresterebbe a rilasciare macchine fino a 800 MHz già a partire dall’expo di San Francisco. Lo sostiene il giornale inglese MacUser

Alla Motorola si sta lavorando duramente per restituire ai propri processori competitività  con il mondo Intel. Lo sostiene il giornale inglese MacUser che nei giorni scorsi ha proposto ai suoi lettori quello che sarebbe il piano di mercato della società  americana nel settore dei processori per i prossimi 12 mesi.
Secondo Macuser la società  delle alette starebbe già  alacremente lavorando per rilasciare a strettissimo giro di posta V’Gear (o Voyager), una evoluzione dell’attuale MPC 7400 in uso sui G4. Fin qui nulla di nuovo, le novità  sono nel fatto che secondo MacUser il processore sarebbe praticamente pronto per essere consegnato ad Apple che grazie a ciò avrebbe la possibilità  di rilasciare G4 aggiornati “all’inizio del 2001”. La mente corre subito al MacWorld Expo di San Francisco e all’impatto che potrebbe avere sul mercato Mac un computer dotato di processore G4 da 600 o 800 MHz, come suppone MacUser. Il chip, sostanzialmente una semplice variante del 7400 con interconnessioni in rame e due unità  Altivec invece della sola attuale e denominato MPC 7420 o 7430, sarebbe però solo la prima mossa per fermare la supremazia del mondo x86.
Il secondo passo sarebbe Apollo, una radicale revisione degli attuali G4 di cui manterrebbe la struttura di base ma che sarebbe dotato di alcune delle tecnologie più avanzate, tra queste SOI (Silicon on Insulator). Apollo, come avevamo già  accennato da queste pagine, sarà  il primo processore commerciale PPC a raggiungere il GHz. Di Apollo sappiamo ancora poco ma MacUser, con un po’ di sorpresa, ci fa sapere che potrebbe essere disponibile già  dalla prossima primavera e quindi, teoricamente, essere su macchine Apple per l’estate. Sarà  dunque il MacWorld di New York il palcoscenico del debutto del primo Mac da 1 GHz? Secondo MacUser pare proprio che le cose stiano così.
La tabella di marcia, si affretta a sottolineare il giornale inglese, può a prima vista parere un po’ ottimistica, ma in realtà  alla Motorola si rendono forse conto che il ciclo di sviluppo dei processori PPC per desktop, e in particolare di G4, è arrivato ad un punto critico. O il conducente impone una sterzata e con nuove tecnologie e nuovi investimenti si impongono sul mercato nuovi prodotti, o l’unico cliente, ovvero Apple, potrebbe essere costretto a guardare altrove, perfino al mondo x86, per soddisfare le sue esigenze.