HomeMacityVoci dalla ReteGli Stati divisi sul caso Microsoft

Gli Stati divisi sul caso Microsoft

Regna ancora incertezza sull’atteggiamento degli Stati di fronte all’accordo Microsoft.
Secondo alcune fonti vicine agli avvocati incaricati di seguire la vicenda i coquerelanti sarebbero al momento divisi in tre gruppi: uno che si oppone alla mediazione, un secondo che sarebbe disponibile a trovare un accordo con Microsoft se questa dimostrasse di voler realmente collaborare e un terzo che sarebbe disponibile a firmare l’accordo stipulato tra Redmond e il DOJ.

Tra gli stati che più si oppongono ad un accordo in prima fila si trovano i potenti stati di California e Massachussets e probabilmente anche Iowa il cui attorney ha più volte sottolineato la necessità  di trovare un rimedio che realmente impedisse a Microsoft di perpetrare il suo abuso.
Al momento appare piuttosto improbabile che gli Stati riescano a trovare un accordo all’unanimità . Più concreta la possibilità  che alcuni di essi si distacchino dal gruppo che vuole accodarsi al Dipartimento di Giustizia e proseguano da soli sotto la guida della California e di Brendan Sullivan, avvocato noto per essere stato a capo del collegio dell’accusa nel processo Iran-Contras.
Una risposta definitiva si potrebbe avere entro questa sera quando la giudice Kollar-Kotelly attende un responso dagli Avvocati degli Stati.

Offerte Speciali

Caricabatterie Apple per iPhone in sconto 20€, affare da prendere al volo

Caricabatterie Apple per iPhone ancora al minimo, solo 16,99 €

Il caricabatterie originale Apple da 20W, ideale per iPhone e Magsafe a solo 16,99€. È il prezzo dei migliori caricabatterie della concorrenza e il più basso di sempre
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial