fbpx
Home Macity Voci dalla Rete GoLive 6 pronto per il MacWorld?

GoLive 6 pronto per il MacWorld?

Secondo alcune indiscrezioni, tutte da verificare, nel corso dell’imminente MacWorld Expo, Adobe presenterà  la nuova versione 6 di GoLive. L’applicazioone, infatti, avrebbe raggiunto la fase di Golden Master e pertanto Adobe s’appresterebbe a presentarla al MacWorldExpo di S. Francisco di gennaio.
Come abbiamo già  detto in altre occasioni, la versione 6 di GoLive non è semplicemente una versione “Carbon” dell’applicazione ma ha varie funzionalità  nuove, in linea con i più agguerriti pacchetti di web-publishing attualmente sul mercato.
Sotto Mac OS X GoLive 6 è molto veloce ed include miglioramenti che permettono di avvantaggiarsi delle funzionalità  di Aqua. GoLive 6 sfrutta “Quartz” il motore grafico che permette, ad esempio, di ridisegnare le tabelle “al volo” senza che l’utente si accorga dei cambiamenti effettuati. Una notizia che farà  felice chi crea siti web-based è il miglioramento per quanto riguarda il dynamic-link che ora supporta PHP e JSP rendendo così l’applicazione un serio competitor di Macromedia Dreamweaver UltraDEV. Altre funzionalità  sicuramente gradite sono quelle relative ai gruppi di lavoro (in competizione con pacchetti come SiteSpring, che è disponibile solo per Windows 2000, contrariamente a GoLive 6 che sarà  disponibile per Mac OS X e Windows 2000). Il prezzo di vendita previsto è molto aggressivo (si parla, negli USA, di 299$). Non è ancora chiaro quali saranno i costi necessari per effettuare l’aggiornamento.
Una nota a parte meritano invece alcune voci su LiveMotion 2. A detta di chi ha avuto modo di provare la beta, la nuova versione “ha funzionalità  di scripting potenti come quelle disponibili in Flash eseguibili attraverso codice JavaScript e nuove funzionalità  per l’animazione del testo”. LiveMotion 2 sarà  disponibile “molto presto” forse persino subito dopo il MacWorld.
[A cura di Newton ]

Offerte Speciali

Articolo precedenteTelefoni cellulari a carica manuale.
Articolo successivoUn anno di Mac.