Il tesoro della Royal Society va tutto online

La Royal Society compie 350 anni e decide di mettere a disposizione in rete tutto quello che che fa parte del suo più prezioso lascito: migliaia di relazioni di ricerca scritte dai più grandi scienziati. Documenti di Isaac Newtok e Benkamin Franklin. Tutto gratis in rete.

E’ una delle più ricche miniere di sapere scientifico: il tesoro della Royal Society britannica che adesso sbarca in rete al sito Trailblazing come “regalo” a tutti in occasione dell’anniversario numero 350 dalla istituzione dell’autorevole società . Si tratta davvero di una biblioteca più unica che rara: contiene i testi di ricerca di personaggi giganteschi del calibro di Sir Isaac Newton e di Benjamin Franklin e per tre secoli è stata l’obiettivo principale di tutti gli scienziati del pianeta.

Come infatti non far culminare una carriera scientifica e di ricerca attraverso le differenti epoche, a partire dalla rivoluzione dei lumi e quella industriale, attraverso secoli di scoperte e di ricerca, di guerre e di ribaltamenti di fronti, con la pubblicazione del proprio lavoro da parte della Società  reale britannica? La più autorevole oltre che la più vecchia tra quelle costantemente in funzione. Tra i lavoro dei più “giovani” scienziati che nel ventesimo secolo hanno collaborato, vale la pena segnalare i lavori di un giovanissimo Stephen Hawking, che si era cimentato due decenni fa sulle tematiche dei buchi neri.

Il sistema per muoversi all’interno dei testi archiviati a partire dal 1665, quindi più di 60mila paper e manoscritti digitalizzati, è assolutamente gratuito e non prevede alcun tipo di pagamento. Ideale anche per chi voglia ripercorrere la storia della scienza andando a toccare con mano i materiali originali, o magari a chi voglia far fare a una classe di scuola, che ha una buona conoscenza dell’inglese, un lavoro di ricerca unico sui fondamentali scritti dai geni che hanno contribuito alla creazione del sapere scientifico della specie umana.