fbpx
Home Macity Voci dalla Rete LCD, gli impianti Taiwanesi al limite massimo di produzione

LCD, gli impianti Taiwanesi al limite massimo di produzione

I cinque produttori cinesi di schermi LCD sono ormai vicinissimi alla saturazione degli impianti. Di questi, anzi, già  ben quattro, AU Optronics, Chi Mei Optoelectronics, Chunghwa Picture Tubes e HannStar Display di fatto non sono più in grado di aumentare oltre la produzione. Solo Quanta Display, secondo quello che riferisce il giornale tecnologico taiwanese Digitimes, ha ancora qualche spazio di manovra.
La notizia giunge nel contesto di una crescente popolarità  degli schermi a cristalli liquidi, oggi sempre più diffusi anche nell’ambito dei desktop che determina una crescita degli ordini per questo tipo di prodotti.
Il fatto che i Taiwanesi, i maggiori produttori mondiali di schermi LCD, siano vicinissimi alla saturazione degli impianti lascia presupporre che i prossimi mesi ben difficilmente si potrà  assistere ad un ribasso dei prezzi.
Prospettive migliori sia per la disponibilità  del numero degli schermi che, conseguentemente, dei prezzi si preannunciano entro fine mese. Sia Quanta, Chi Mei Optoelectronics che AU Optronics stanno programmando un incremento delle loro linee di produzione. In particolare AU Optoelectronics, il vero colosso del settore con oltre 730.000 schermi prodotti al mese ha predisposto un piano di potenziamento che dovrebbe prende il via al mese di giugno e arrivare a compimento entro fine anno.
Da gennaio ad aprile la produzione è aumentata del 10%. Un balzo record per un’industria considerata, fino a qualche tempo fa, di nicchia.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB GB , minimo storico: 1018 euro

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 1TB GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1018 euro, quasi il 25% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui