fbpx
Home Macity Gallerie Foto Memorie da 1.600 MHz: la prova di Macitynet su MacBook Pro 2011

Memorie da 1.600 MHz: la prova di Macitynet su MacBook Pro 2011

Oltre a sostituire il disco fisso con una unità SSD, possiamo migliorare le prestazioni dei MacBook Pro rilasciati nel 2011 installando memorie RAM più capienti e anche più veloci di quelle fornite da Apple. La Casa della Mela precisa che i MacBook Pro 2011 funzionano con RAM da 1.333 MHz, in realtà la piattaforma Sandy Bridge è in grado di gestire senza problemi anche le più veloci DDR3 a 1.600 MHz. Per valutare l’incremento di prestazioni e determinare se e quando conviene effettuare l’upgrade abbiamo installato le memorie Corsair Vengeance DDR3 da 1.600MHz certificate per funzionare con tutti i sistemi PC con Intel Core i5 e Intel Core i7 della famiglia Sandy Bridge rilasciati nel 2011. Si tratta della stesa piattaforma hardware su cui sono realizzati i MacBook Pro da 13″, 15″ e anche 17″ rilasciati nel 2011. Queste RAM di qualità e di prestazioni superiori sono proposte con uno sconto del 30% a 69,90 euro su Buydifferent.it.

Per sfruttare le maggiori prestazioni delle RAM più veloci non occorre alcuna configurazione particolare, inoltre l’installazione risulta molto semplice, alla portata anche degli utenti meno esperti di fai-da-te o di elettronica. Per l’installazione basta infatti rimuovere le 10 viti che fissano il pannello inferiore dei MacBook Pro e, dopo averlo sollevato, rimuovere i due banchi di RAM già presenti nella macchina.

Le barrette di memoria SODIMM sono tenute in posizione da due fermi in plastica ai due lati: per rimuovere i banchi basta spingere leggermente verso l’esterno i due fermi laterali. Non presenta alcun problema nemmeno l’inserimento dei due nuovi banchi di memorie: basta applicare una leggera pressione uniforme sulla barretta per inserirla nell’apposito vano: quando l’incastro è avvenuto viene anche confermato dal click emesso dai due fermi laterali che entrano in posizione fissando il modulo RAM.
Vengeance CorsairAl riavvio il nostro Mac riconosce perfettamente i nuovi banchi di memoria che funzionano a 1.600 MHz indicandoli correttamente nelle specifiche, come è possibile confermare aprendo Informazioni di sistema. Nel lavoro quotidiano con mail, internet, navigazione web e scrittura le differenze non sono avvertibili: per misurare i cambiamenti nelle prestazioni abbiamo utilizzato Novabench, gratis su Mac App Store e anche Geekbench di Primate Labs.

Test di velocità con MacBook Pro e memoria RAM DDR3 a 1600 MHz
Il test è stato effettuato su un MacBook Pro 15″ con Intel Core i7 quad core da 2,2GHz e 8GB di RAM. Con il test Novabench le prestazioni complessive del sistema con le memorie di serie da 1.333MHz ottengono un punteggio di 1.085 punti che salgono leggermente a 1.099 punti con le RAM a 1.600MHz. Il punteggio della sezione memorie non cambia e rimane costante a 178 anche se la velocità della RAM rilevata dal software cambia sensibilmente passando da 8.377MB al secondo a 8.539MB al secondo, un incremento di 162MB al secondo.

Anche con Geekbench il punteggio delle prestazioni complessive del sistema non cambia registrando 11.005 con le memorie a 1.333MHz e poi 11.006 punti con le RAM più veloci. Cambiano invece sensibilmente gli indici della velocità di memoria e anche quelli della larghezza di banda della RAM: nel primo caso si passa da 5.757 a 6.070 mentre la banda passa da 6.737 a 7.195. Sia per il Geekbench che per il Novabench va tenuto presente che si tratta di benchmark improntati quasi esclusivamente sulla velocità di calcolo del processore e della RAM e degli altri componenti fondamentali del computer. La stima delle prestazioni viene calcolata in base ai tempi di risposta e di esecuzione utilizzando routine matematiche e non misurando i tempi di esecuzione con applicazioni reali. Si tratta di strumenti di benchmark indicati per confrontare sistemi diversi e meno precisi nel calcolare la variazione di prestazioni in compiti reali.

Ciò detto la sostituzione delle RAM a 1.333MHZ con quelle a 1.600MHz è in grado di apportare benefici in tutti i campi di applicazione in cui vengono sfruttati al massimo la potenza di calcolo del processore con frequenti scambi di dati con la memoria RAM, come per esempio fotoritocco, elaborazione audio e video, trasformazione e conversione di file audio/video in formati diversi, software di progettazione e modellazione e così via. Il beneficio apportato dalle RAM più veloci può risultare più evidente anche con i videogiochi più complessi. Invece per gli utenti che utilizzano il computer per lo più per navigare su Internet, scrivere, ascoltare musica e utilizzare i programmi forniti di serie da Apple il salto di prestazioni non risulta molto avvertibile.


In definitiva
La sostituzione delle memorie RAM di serie da 1.333MHz con quelle più veloci a 1.600MHz è un upgrade consigliato per gli utenti dei MacBook Pro 2011 che utilizzano software e giochi esigenti in termini di risorse. Nei compiti di tutti i giorni l’incremento di prestazioni non è avvertibile ma per chi punta alle massime prestazioni per applicazioni audio/video, elaborazione immagini e così via è possibile dare una marcia in più al nostro Mac con una spesa abbordabile e un intervento che può essere effettuato personalmente in tutta sicurezza.

Per gli utenti invece che necessitano di un balzo di prestazioni consistente, non solo per applicazioni specifiche ma per qualsiasi software, nella velocità di esecuzione del sistema operativo, tempi di avvio e spegnimento e così via, l’upgrade consigliato è l’installazione di un SSD come unità principale e di avvio. Si tratta però di un intervento un po’ più complesso e soprattutto richiede una spesa più elevata se desideriamo installare una unità SSD capiente.

Prezzo e disponibilità
Le RAM utilizzate per questo test sono state fornite da Buydifferent.it: in questi giorni il kit da 8GB di Corsair Vengeance composto da 2 banchi SODIMM da 4GB ciascuno è proposto con uno sconto del 30% a 69,90 euro invece di 99,90 euro un risparmio di 30 euro. Grazie a questa promozione l’upgrade risulta ancora più conveniente e consigliato, soprattutto per gli utenti dei MacBook 2011 che non hanno ancora espanso la memoria RAM e dispongono dei 4GB montati di serie. Con un unico acquisto è possibile raddoppiare la memoria del nostro portatile e dotarlo di memorie super veloci con una spesa decisamente abbordabile. Il Kit Corsair Vengeance in sconto è disponibile a partire da questa pagina di Buydifferent.it. Ricordiamo che è sempre meglio installare RAM di qualità e di marche note, soprattutto per i moduli con prestazioni elevate: per l’upgrade è possibile anche utilizzare i kit di memoria Kingston anche questi disponibili su Buydifferent.it che offre accessori e componenti tutti testati e certificati per funzionare sui Mac.

Offerte Speciali

iPhone XR scontato di 110 euro su Amazon

Il vero iPhone low cost è su Amazon: 110 euro di risparmio su iPhone XR

iPhone XR è in offerta su Amazon. Risparmiate 110 euro sul prezzo ufficiale Apple e 210 euro rispetto ad un iPhone 11
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,435FansMi piace
95,286FollowerSegui